Après moi le deluge! | T-Mag | il magazine di Tecnè

Après moi le deluge!

di Andrea Ferraretto
e Salvatore Monni

Ci sarebbe voluto coraggio. Ci voleva per dare fiducia al paese, prima ancora che ai mercati, e anche i mercati se ne sarebbero accorti. Soprattutto sarebbero servite misure di sostegno alla crescita perché, in fondo, è anche quello che, solo la settimana scorsa, ha ricordato Standard & Poor’s: se il denominatore non cresce (PIL) è difficile mantenere sostenibile il numeratore (debito). Molte erano le cose che si potevano fare, alcune delle quali così spesso richiamate dalle istituzioni nazionali e internazionali, dai giornali e dagli esperti, che ormai sembrano essere diventate leggenda. Due tra tutte è utile ribadirle: aumentare la competitività e l’efficienza del sistema paese.

Un paese, l’Italia, che ormai fatica a competere anche su mercati e in settori tradizionalmente favorevoli. Vi era inoltre la necessità di migliorare la redistribuzione del reddito e ridurre le disuguaglianze di reddito ma anche di opportunità. In mezzo tante cose: dal ruolo della pubblica amministrazione fino al recupero dell’evasione fiscale. Senza dimenticare l’obbligo morale di eliminare le rendite che si annidano nella politica, non solo per recuperare capitali ma anche e soprattutto per dire al paese che se si chiedono sacrifici bisogna prima di tutto essere disposti a farli. E invece la manovra è ancora una volta di un misto di ticket sanitari, imposta di bollo sul deposito titoli, aumento dell’Irap delle banche fino ai tagli agli incentivi alle rinnovabili. A questo non dimentichiamolo vanno aggiunti, fuori dalla manovra, tutta una serie di aumenti di imposte scaricati su Regioni, Province e Comuni attraverso i decreti del federalismo fiscale e una “potenziale” riforma fiscale (Irpef e rendite finanziarie) che presumibilmente sarà introdotta in una legge delega con durata triennale e quindi con effetti nulli al momento. Insomma una volta ancora solo tagli e imposte e nessuna misura per la crescita. Tagli che colpiranno sostanzialmente sempre gli stessi e non solo i più privilegiati. Che andranno a colpire un paese dove il sistema della formazione e dell’istruzione è stato pesantemente penalizzato, dove gli indicatori di accesso al lavoro, soprattutto da parte delle donne e dei giovani stanno toccando i punti più bassi in Europa, dove fa fatica a diffondersi l’innovazione tecnologica. Una manovra basata sul tentativo, neanche troppo nascosto, di rinviare al 2013 il peso sostanziale dei tagli, quando si dovrebbe giocare il nuovo turno elettorale: dalla serie “après moi le deluge!”. Nel frattempo una generazione intera resta stritolata tra la precarietà e la disoccupazione, creando i presupposti per una crisi profonda e strutturale. È chiaramente la manovra di un Governo in agonia e diviso su tutto. Peggio di così non era facile fare.

 

1 Commento per “Après moi le deluge!”

  1. Lollo

    Zero attenzione al Paese. Stanno solo creando l’arma da usare per le elezioni del 2014 o 2015 (quelle che seguiranno all’inevitabile caduta del prossimo governo di centrosinistra). Bene così!

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia