Après moi le deluge! | T-Mag | il magazine di Tecnè

Après moi le deluge!

di Andrea Ferraretto
e Salvatore Monni

Ci sarebbe voluto coraggio. Ci voleva per dare fiducia al paese, prima ancora che ai mercati, e anche i mercati se ne sarebbero accorti. Soprattutto sarebbero servite misure di sostegno alla crescita perché, in fondo, è anche quello che, solo la settimana scorsa, ha ricordato Standard & Poor’s: se il denominatore non cresce (PIL) è difficile mantenere sostenibile il numeratore (debito). Molte erano le cose che si potevano fare, alcune delle quali così spesso richiamate dalle istituzioni nazionali e internazionali, dai giornali e dagli esperti, che ormai sembrano essere diventate leggenda. Due tra tutte è utile ribadirle: aumentare la competitività e l’efficienza del sistema paese.

Un paese, l’Italia, che ormai fatica a competere anche su mercati e in settori tradizionalmente favorevoli. Vi era inoltre la necessità di migliorare la redistribuzione del reddito e ridurre le disuguaglianze di reddito ma anche di opportunità. In mezzo tante cose: dal ruolo della pubblica amministrazione fino al recupero dell’evasione fiscale. Senza dimenticare l’obbligo morale di eliminare le rendite che si annidano nella politica, non solo per recuperare capitali ma anche e soprattutto per dire al paese che se si chiedono sacrifici bisogna prima di tutto essere disposti a farli. E invece la manovra è ancora una volta di un misto di ticket sanitari, imposta di bollo sul deposito titoli, aumento dell’Irap delle banche fino ai tagli agli incentivi alle rinnovabili. A questo non dimentichiamolo vanno aggiunti, fuori dalla manovra, tutta una serie di aumenti di imposte scaricati su Regioni, Province e Comuni attraverso i decreti del federalismo fiscale e una “potenziale” riforma fiscale (Irpef e rendite finanziarie) che presumibilmente sarà introdotta in una legge delega con durata triennale e quindi con effetti nulli al momento. Insomma una volta ancora solo tagli e imposte e nessuna misura per la crescita. Tagli che colpiranno sostanzialmente sempre gli stessi e non solo i più privilegiati. Che andranno a colpire un paese dove il sistema della formazione e dell’istruzione è stato pesantemente penalizzato, dove gli indicatori di accesso al lavoro, soprattutto da parte delle donne e dei giovani stanno toccando i punti più bassi in Europa, dove fa fatica a diffondersi l’innovazione tecnologica. Una manovra basata sul tentativo, neanche troppo nascosto, di rinviare al 2013 il peso sostanziale dei tagli, quando si dovrebbe giocare il nuovo turno elettorale: dalla serie “après moi le deluge!”. Nel frattempo una generazione intera resta stritolata tra la precarietà e la disoccupazione, creando i presupposti per una crisi profonda e strutturale. È chiaramente la manovra di un Governo in agonia e diviso su tutto. Peggio di così non era facile fare.

 

1 Commento per “Après moi le deluge!”

  1. Lollo

    Zero attenzione al Paese. Stanno solo creando l’arma da usare per le elezioni del 2014 o 2015 (quelle che seguiranno all’inevitabile caduta del prossimo governo di centrosinistra). Bene così!

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia