LA CRISI ECONOMICA E QUELLA DELLA RAI | T-Mag | il magazine di Tecnè

LA CRISI ECONOMICA E QUELLA DELLA RAI

Che d’estate sia lecito aspettarsi un palinsesto televisivo scarno è cosa risaputa. Si tende meno, però, a legittimare il vuoto assoluto se quest’ultimo è peculiarità del servizio pubblico. Specie in una fase congiunturale delicata come quella che stiamo attraversando.
Si era parlato di stakanovismo, nei giorni scorsi. E proprio su queste pagine ci si era chiesti a chi giovasse il silenzio della Rai sui temi caldi dell’agenda economica e politica. A parte qualche servizio nei tg, tuttavia dediti maggiormente ad inseguire i flirt di Federica Pellegrini, i cittadini sono tenuti al corrente poco – e male – su quanto sta avvenendo. Abbiamo scoperto di non essere i soli a lamentarsene.
Domenica in un lungo editoriale sul Corriere della Sera, Ernesto Galli Della Loggia domandava a Paolo Garimberti e a Lorenza Lei se anche loro sono italiani: “Abitano in Italia il presidente e il direttore generale della Rai? Vivono tra noi, condividono le nostre preoccupazioni e i nostri discorsi? Se la risposta è sì, come suppongo, allora è davvero inspiegabile come possano consentire che in questi giorni la stessa Rai, al di là della più scheletrica informazione sui fatti, lasci il Paese al buio, senza cercare di spiegargli a fondo quanto sta capitando”.
Non uno speciale dedicato, non un approfondimento. Sono trascorse settimane convulse in Rai, è vero. Ma le ore passate a riflettere sulla sorte di certe trasmissioni (vedi Report) giustificano una tale mancanza a scapito dei cittadini? Qualcuno chiosa: le casse della Rai non permettono granché. E con questo? In tempi di austerity richiesta in ogni dove anche l’azienda di Viale Mazzini avrebbe potuto immaginare un metodo alternativo di compensi e messa in onda.
Giusto per ricordarlo: giovedì si riuniranno le commissioni Affari costituzionali e Bilancio. Ci sarà pure il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Se non si correrà ai ripari sarà un’occasione sprecata. A guadagnarci sarebbero tanto i fruitori quanto gli addetti ai lavori.

 

2 Commenti per “LA CRISI ECONOMICA E QUELLA DELLA RAI”

  1. Finchè ci sarà questo governo, bisogna rassegnarsi. I diversi dirigenti Rai sono tutti pronti ad accontantare il premier al quale che fine faccia la Rai importa poco, l’importante è che le reti Mediaset vadano bene. Questi dirigenti Rai non hanno ambizione nel far primeggiare la Rai perché sono stati messi lì di proposito. Sono demotivati. Ma, mi chiedo, l’opposizione è sempre latitante? Non si interessa mai di che fine faccia la Rai? Qualcuno dovrà intervenire sulla televisione pubblica, affinché rimanga pubblica. Non è giusto che noi paghiamo un canone per una televisione fatta per far piacere solo a Berlusconi. Se deve continuare ad essere così che sia Berlusconi a pagare il canone.

  2. il d.g. LEI una altra furbona messa li dal VATICANO e che non capisce un CAZZO di televisione, si chiede perche’ il tg1 continua a perdere ascolti ,prova a chiederti perche’ li acquista LA7 INCAPACE

Scrivi una replica

News

Via libera della Camera alla prosecuzione delle missioni internazionali per il 2018

La Camera dei deputati ha dato il suo via libera alla prosecuzione per il 2018 delle missioni internazionali, compresa quella nel Niger. Ha votato a…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, i colloqui di pace riprenderanno a Vienna il 25 gennaio

I colloqui di pace per la Siria riprenderanno a Vienna il 25 e 26 gennaio. Lo ha reso noto l’inviato speciale delle Nazioni Unite nel…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Antonio Patuelli confermato presidente dell’Abi

Antonio Patuelli è stato confermato presidente dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana. Lo ha deciso all’unanimità il comitato esecutivo dell’ABI. Patuelli resterà in carica fino all’estate 2020.…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: “Ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno”

L’ambasciata statunitense potrebbe essere trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme “molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno da oggi”. Lo ha…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia