CRISI, IL GOVERNO ALLA PROVA DEL NOVE. BERLUSCONI PENSA A UN VIDEOMESSAGGIO | T-Mag | il magazine di Tecnè

CRISI, IL GOVERNO ALLA PROVA DEL NOVE. BERLUSCONI PENSA A UN VIDEOMESSAGGIO

Ancora ieri erano girate strane voci su Giulio Tremonti. Il superministro, criticato a destra e a manca dopo il suo intervento dinanzi alle Commissioni riunite di Camera e Senato (addirittura fuoco amico per lui, mentre Casini lasciando i lavori gli ha dato dello “scemo da ricoverare”, un po’ come quando Tremonti diede del “cretino” a Brunetta), sembrava sul punto di dimettersi. Sarà la terza o quarta volta che si dice nel giro di poche settimane. In sostanza, la chiave di lettura offerta da molti organi di informazione è questa: la Bce ha commissariato il governo, Berlusconi ha fatto altrettanto con Tremonti. Pare, infatti, che il premier abbia caricato su di sé la responsabilità del momento, circostanza dimostrata una volta di più dall’incontro che ieri ha avuto con il governatore della Banca d’Italia e prossimo numero uno della Bce, Mario Draghi. Un incontro a cui Tremonti, appunto, non ha preso parte, anche se poco dopo erano entrambi al Quirinale con Gianni Letta.
La manovra già lacrime e sangue necessita di un’ampia revisione considerato l’obiettivo primario dell’anticipo del pareggio di bilancio al 2013. Misure ancora più drastiche, che però tengono la maggioranza vagamente divisa. Il veto di Bossi (quest’ultimo aveva definito “fumoso” l’intervento del titolare di via XX settembre) su un eventuale ritocco alle pensioni è risaputo, quello di Berlusconi sulla patrimoniale anche. Ma un compromesso – ed è stato proprio il Senatùr ad auspicarlo – sarebbe l’ideale. Magari ritoccando leggermente l’Irpef per i redditi alti: un “contributo di solidarietà” al posto del “contributo per l’Italia” (ovvero una patrimoniale mascherata). Ma c’è di più. Proprio ieri la Bce ha reso noto che “in tutti i Paesi ad eccezione dell’Italia le esportazioni si sono riportate su livelli pari o prossimi a quelli massimi rilevati prima della recessione”. In parole povere: l’Italia perde in termini di competitività e di crescita. Ma su questo fronte non è del tutto chiaro cosa il governo sia disposto a mettere in campo (non mancano, ad esempio, divergenze con la Lega sulle privatizzazioni). Quello che finora è trapelato, invece, è la possibilità di un videomessaggio del premier dopo l’approvazione in Cdm del decreto anticrisi. Motivo: spiegare agli italiani il perché di scelte draconiane e (quasi certamente) impopolari.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia