LIBIA, CADE IL REGIME. TRIPOLI IN FESTA, MA GHEDDAFI NON SI ARRENDE | T-Mag | il magazine di Tecnè

LIBIA, CADE IL REGIME. TRIPOLI IN FESTA, MA GHEDDAFI NON SI ARRENDE

Tripoli in festa, il regime è caduto. Ma Gheddafi di arrendersi, definitivamente, ancora non ne vuole sapere. È successo tutto in in poco più di una giornata. Tra sabato e domenica i ribelli sono riusciti a entrare nella città e dopo gli scontri con i lealisti (potrebbero essere morte oltre mille persone) hanno avuto la meglio. Nella serata di domenica si rincorrevano voci riguardo la possibile cattura del Colonnello, prontamente smentite come spesso avviene negli scenari di guerra. A Tripoli sono atterrati due aerei sudafricani (il presidente Zuma è stato particolarmente attivo nelle mediazioni tra il Rais e i ribelli) e non è esclusa che gli venga offerta una via di fuga, probabilmente verso Caracas come già pronosticato nelle scorse settimane (in questo momento potrebbe trovarsi proprio nell’ambasciata venezuelana).
Di certo c’è che sono stati arrestati i figli Saif al-Islam, il secondogenito e suo erede designato, l’ex calciatore Saadi e il maggiore Mohammad. Gheddafi, tuttavia, ha registrato un messaggio in cui ha confermato di non voler lasciare Tripoli ed ha esortato gli uomini e le donne rimasti a lui fedeli a “liberare” la città. “Oggi che festeggiamo la vittoria, mi appello alla vostra coscienza e alla vostra responsabilità: non vendicatevi, non saccheggiate, non prendetevela con gli stranieri e rispettate i prigionieri”, ha invece invocato Mahmoud Jibril, uno dei principali responsabili del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) della Libia.
“Gheddafi si arrenda e abbandoni il potere, non ci sono assolutamente alternative, è l’unica possibilità per evitare un bagno di sangue”, ha osservato il ministro degli Esteri, Franco Frattini. Da Marthas Vineyard dove sta ultimando le sue vacanze, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha affermato: “Il regime di Gheddafi mostra segni di agonia. Il popolo libico sta mostrando che l’aspirazione universale alla dignità e alla libertà è molto più forte del pugno di ferro di un dittatore. Muammar Gheddafi e il suo regime devono riconoscere che il loro regno è finito. Gheddafi deve riconoscere la realtà che è che non controlla più la Libia. Deve rinunciare al potere una volta per tutte”.

 

1 Commento per “LIBIA, CADE IL REGIME. TRIPOLI IN FESTA, MA GHEDDAFI NON SI ARRENDE”

  1. […] LIBIA, CADE IL REGIME. TRIPOLI IN FESTA, MA GHEDDAFI NON SI ARRENDE Ultime notizieLe intervisteColumn […]

Scrivi una replica

News

Via libera della Camera alla prosecuzione delle missioni internazionali per il 2018

La Camera dei deputati ha dato il suo via libera alla prosecuzione per il 2018 delle missioni internazionali, compresa quella nel Niger. Ha votato a…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, i colloqui di pace riprenderanno a Vienna il 25 gennaio

I colloqui di pace per la Siria riprenderanno a Vienna il 25 e 26 gennaio. Lo ha reso noto l’inviato speciale delle Nazioni Unite nel…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Antonio Patuelli confermato presidente dell’Abi

Antonio Patuelli è stato confermato presidente dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana. Lo ha deciso all’unanimità il comitato esecutivo dell’ABI. Patuelli resterà in carica fino all’estate 2020.…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: “Ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno”

L’ambasciata statunitense potrebbe essere trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme “molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno da oggi”. Lo ha…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia