Pdl, Romani: “Dopo 17 anni può darsi che si ponga un problema di rappresentatività”. E si appella al “popolo di internet” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pdl, Romani: “Dopo 17 anni può darsi che si ponga un problema di rappresentatività”. E si appella al “popolo di internet”

Per tanti anni Forza Italia prima, il Pdl dopo, è stato un partito fondato sulla rappresentatività del leader Silvio Berlusconi. Ora i tempi stanno cambiando e forse inizia a rendersi necessario un nuovo modello. A sostenerlo è stato Paolo Romani, ministro dello Sviluppo economico, durante il suo intervento al meeting di Cl. “Nel partito carismatico in cui milito – ha spiegato Romani – non c’era il problema di scegliere il leader: il leader era Berlusconi ed in lui tutti, a partire da me, ci siamo riconosciuti e per seguirlo abbiamo lasciato il mondo del lavoro per impegnarci in politica. Ma oggi, dopo 17 anni, può darsi che si ponga un problema di rappresentatività”. Romani ha anche dettato la ricetta, simile – a suo dire – al modello delle proteste in Tunisia “dove il popolo della Rete ha mandato a casa la precedente classe dirigente ma non la ha sostituita e ha dato vita ad un governo tecnico dopodiché con le elezioni la parola passerà alla gente”. Ed ecco così l’appello “ai 22 milioni di italiani che stanno su Facebook, che hanno una straordinaria capacità di generare consenso, di cui la politica non può dimenticarsi. Dobbiamo rivoluzionare i partiti, mettere qualcosa di nuovo, esprimere qualcosa di diverso nella consapevolezza che la opinione pubblica oggi non è più fatta solo dai giornali o dalle televisioni ma dal popolo di internet”.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa giurerà venerdì da nuovo presidente

Il nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, giurerà nel corso della cerimonia che si terrà nella giornata di venerdì 24 novembre.…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usura, Confesercenti-Sos Impresa: “Vittime 200.000 imprenditori”

“Durante la recessione, il mercato del credito illegale ‘a strozzo’ ha raggiunto un giro d’affari di circa 24 miliardi e coinvolge circa 200 mila imprenditori…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia