Manovra, caos e teatrini | T-Mag | il magazine di Tecnè

Manovra, caos e teatrini

di Fabio Germani

di Fabio Germani

Tecnicismi a parte, la manovra è mutata nell’essenza. Da necessaria e urgente al fine di stabilizzare la volatilità dei mercati si è trasformata in umorale ed elettorale in questi ultimi giorni. La sovrattassa prevista in un primo momento sui redditi più alti (o contributo di solidarietà, che dir si voglia) ha fatto passare diversi brutti quarti d’ora al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Il quale mal sopportava l’idea – ne ha fatto un credo politico – di infilare le mani nelle tasche degli italiani. A questo era servito il vertice di Arcore: a ristabilire le priorità, che mai avrebbero dovuto esercitare una siffatta ingerenza sulla vita dei cittadini. Un escamotage, insomma, al solo scopo di ribadire la leadership e la propria capacità decisionista, persino al cospetto dell’intransigenza del Carroccio. Ma neppure il tempo di riscriverla, la manovra, di cancellare norme qua e là e di formularne di nuove, che già si era alzato un vespaio non indifferente e nel giro di appena 24 ore i commentatori di ogni dove e parrocchia erano prontamente sul piede di guerra.
Una manovra, questa ripensata dai Grandi di Arcore, che nella precedente versione era stata avallata da Bruxelles durante le roventi giornate ferragostane e che adesso (sono 1.300 gli emendamenti presentati al Senato) rischia di venire stravolta e che secondo le stime dei tecnici del Tesoro manca di cinque miliardi sui 45 previsti per l’anticipo del pareggio di bilancio. Poco male se c’è da convincere una buona fetta di italiani che non verrà loro sottratto un euro in più. Ammesso che siano ancora disposti ad assistere a un simile teatrino.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia