Confindustria, ecco il Progetto delle imprese per l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Confindustria, ecco il Progetto delle imprese per l’Italia

“L’Italia si trova davanti ad un bivio. Può scegliere tra la strada delle riforme e della crescita in un contesto di stabilità dei conti pubblici o, viceversa, scivolare ineluttabilmente verso un declino economico e sociale.
Per questo le imprese hanno deciso di lanciare una proposta che indichi a tutti – Governo, Parlamento, forze politiche di maggioranza e opposizione, parti sociali, tutti gli italiani – pochi punti essenziali di forte discontinuità.
È necessaria la maggiore coesione possibile, di tutte le risorse e di tutte le intelligenze.
Da troppo tempo l’Italia non cresce.
Da troppo tempo le nostre imprese perdono competitività.
Da troppo tempo i giovani italiani vedono ridursi opportunità e speranze.
Da troppo tempo il 95% dei contribuenti dichiara redditi inferiori a 50.000 euro.
Le ragioni di tutto questo sono molteplici e nessuno può ritenersi esente da responsabilità.
Per l’ingente ammontare del suo debito pubblico, per la sua bassa crescita oramai quindicennale, per i suoi alti tassi di spesa pubblica e di prelievo fiscale, il nostro Paese da due mesi ha visto accrescere in maniera intollerabile il premio al rischio sui titoli di stato. Il deprezzamento dei listini erode il valore degli asset nazionali e del risparmio delle famiglie.
Oggi il tempo si è fatto brevissimo”.

Così si apre il Progetto delle imprese per l’Italia presentato dalla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia (in altre parole il manifesto per salvare l’Italia). Il progetto consta di cinque punti: riforma fiscale, infrastrutture, privatizzazioni, liberalizzazioni, pensioni.

 

2 Commenti per “Confindustria, ecco il Progetto delle imprese per l’Italia”

  1. […] quello che il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, lancia al governo presentando il Progetto delle imprese per l’Italia. “Siamo pronti a fare la nostra parte come imprese”, ha quindi aggiunto Emma Marcegaglia. La […]

  2. nunzio

    continuiamo a toccare chi ha lavorato per anni… adesso non basteranno neanche 40 anni!!! e i politici che hanno la pensione assicurata dopo una legislatura??? Qui ci allungano gli anni e poi le aziende ci lasciano a casa xchè costiamo troppo!! VERGOGNA!!!!!

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia