Una settimana difficile da raccontare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Una settimana difficile da raccontare

Ammettiamolo senza troppi fronzoli: non è stata una settimana facile da raccontare, questa. Dapprima il giovane operaio morto a causa del crollo del palco allestito per il concerto di Jovanotti al Palasport di Trieste, poi il folle gesto di un uomo a Firenze che, prima di togliersi la vita, ha ucciso a colpi di pistola i due senegalesi Mor Diop e Modou Samb. Avvenimenti che apparentemente non avrebbero molto in comune, ma che sono entrambi i risultati di un periodo di crisi – economica e non solo – che alimenta tensioni sociali e sciatteria.
Il caso di Francesco Pinna è l’emblema più autentico dell’insicurezza sul lavoro. Non perché abbia coinvolto, sebbene in maniera del tutto marginale, un personaggio noto. Ma perché ha acceso i riflettori su incidenti che in verità sono all’ordine del giorno e di cui però si parla troppo poco.
Quanto accaduto a Firenze, invece, preferiamo commentarlo con le parole del sociologo Aly Baba Faye il quale ci ha concesso di pubblicare un articolo ripreso dal suo blog: “Oggi in particolare con l’incalzarsi della crisi economica che rischia di tramutare la conflittualità sociale in conflitti culturali dobbiamo essere vigili e fare in modo che le scorie del razzismo e della xenofobia siano ridimensionate. E’ una responsabilità di tutti e di ciascuno debellare l’odio e la violenza. Abbiamo tollerato e siamo stati assuefatti del “razzismo popolare” che ha conformato la società italiana di oggi. La classe politica, i media e altre agenzie formative devono prendere più sul serio questo fenomeno che è stato trattato spesso con superficialità e superbia. Non è questione di buonismo, ma di cura della società per la convenienza di tutti”. Tutto ciò, informa l’Istat, a fronte di un cospicuo numero di “nuovi arrivati” nel nostro Paese che compensa la sempre più scarsa natalità (-25.544 unità).
Nel contesto di un tale bailamme, dunque, restano i problemi sistemici della nostra società. Venerdì ancora l’Istat ha pubblicato il consueto annuario statistico. Il quadro che emerge non è dei più lusinghieri. Su 2,1 milioni di persone in cerca di occupazione i giovani disoccupati sotto i 30 anni sono 834 mila, il 39,7% del campione, quattro su dieci. Ai numeri della disoccupazione giovanile potremmo aggiungere quelli della recente ricerca Tecnè sulla discriminazione di genere. Senza per questo stare troppo a generalizzare, il cerchio è chiuso. Tensioni sociali e sciatteria. Deficit di futuro, incertezze e paura.
Non è stata affatto una settimana facile da raccontare, questa.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello mondiale, i contagi hanno superato i 242,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 242.648.151. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto, Acea: «Nel terzo trimestre, le auto ibride hanno superato il diesel per la prima volta»

Nel terzo trimestre del 2021, nell’Unione europea, le immatricolazioni di autovetture ibride elettriche (Hev) hanno rappresentato il 20,7% del mercato complessivo. Lo ha reso noto…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Draghi: «Sulla Polonia, non ci sono alternative: le regole sono chiare»

Sulla Polonia «non ci sono alternative: le regole sono chiare». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso della conferenza stampa…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Energia, Draghi: «Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Ue in egual misura»

Sull’energia «siamo stati espliciti con la necessità di preparare subito uno stoccaggio integrato con le scorte strategiche. Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Unione europea in egual…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia