Legge elettorale: due le alternative | T-Mag | il magazine di Tecnè

Legge elettorale: due le alternative

di Pietro Raffa

Al di là delle decine di ricostruzioni fantasiose che ogni giorno la stampa nostrana elabora, le uniche due reali alternative riguardanti il raggiungimento di un accordo su una nuova legge elettorale sono quelle riportate sul Foglio di sabato:

Sia Pd sia Pdl tentennano tra la formula di un “patto a due” che, escludendo l’Udc, indirizzi la legge elettorale verso un rafforzamento del bipolarismo e un sistema invece di tipo iper parlamentarista e proporzionale. Il modello tedesco puro, o primorepubblicano, che piace a Casini, ma anche all’entourage di Bersani (soprattutto tra i cosiddetti “giovani turchi”).

Premetto che il sistema elettorale ungherese (inizialmente proposto dai bersaniani) si sarebbe collocato in mezzo a queste due ipotesi, ma le reazioni in parlamento non sono state positive. Tenderei dunque ad escluderlo e a concentrarmi sulle due soluzioni descritte dal Foglio.
Nella prima ipotesi, che io considero meno probabile, si tenterebbe di ripercorrere la stessa strada del 2008, che però non portò da nessuna parte. Occorre tuttavia ricordare che le soluzioni maggiormente confacenti alla natura del PD sono contenute in questo tipo di progetto. Un trade-off niente male per i democratici. C’è da aggiungere, constatazione abbastanza ovvia, che il Pdl e il Pd non avrebbero i numeri per farcela da soli.
Investire sulla seconda ipotesi, quella proporzionalista (facciamo finta che si tratti di un proporzionale puro o quasi), ridurrebbe il rischio di fallimento delle trattative e non premierebbe i due principali partiti, dando di conseguenza una grande mano al Terzo Polo.
Questa scelta appare oggi maggiormente praticabile, anche perché l’organicità della maggioranza tripartita va rassondandosi sempre più.

Questo articolo è stato pubblicato inizialmente qui.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «Confindustria fa terrorismo psicologico»

«Confindustria oggi dice che con il Decreto Dignità ci saranno meno posti di lavoro. Sono gli stessi che gridavano alla catastrofe se avesse vinto il…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rai, Alberto Barachini eletto presidente della Commissione di Vigilanza

Alberto Barachini (Forza Italia) è stato eletto presidente della Commissione di Vigilanza Rai, con 22 voti alla terza votazione. Mentre Antonello Giacomelli (Partito democratico) e…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, multa record da 4,3 miliardi di euro a Google per Android

La Commissione europea ha inflitto una multa da 4,3 miliardi di euro a Google, la più alta mai comminata. Bruxelles ha punito il colosso statunitense…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Dignità, Confindustria: «Effetti su occupazione peggiori di quelli stimati da relazione tecnica»

Alcune delle misure contenute nel decreto Dignità rischiano di avere effetti sull’occupazione ancora più negativi di quelli stimati nella relazione tecnica sulla base delle stime…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia