Istat, Rapporto coesione sociale: “L’Italia invecchia. 144,5 anziani ogni 100 giovani” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, Rapporto coesione sociale: “L’Italia invecchia. 144,5 anziani ogni 100 giovani”

I bassi livelli di fecondità e l’aumento della sopravvivenza comportano l’invecchiamento della popolazione italiana, rendendo “l’Italia uno dei paesi più vecchi al mondo”. Lo rivela il secondo Rapporto sulla coesione sociale presentato da Inps, Istat e ministero del Lavoro. Secondo i dati diffusi oggi, al primo gennaio 2011 si registrano 144,5 anziani ogni 100 giovani. E diventeranno 256 ogni 100 giovani nel 2050.
Sul fronte dell’occupazione, dallo studio Istat emerge che nel primo semestre 2011 sono stati attivati oltre 5,325 milioni di rapporti di lavoro dipendente o parasubordinato: il 67,7% delle assunzioni è stato formalizzato con contratti a tempo determinato, il 19% con contratti a tempo indeterminato e l’8,6% con contratti di collaborazione. Mentre il tasso di disoccupazione giovanile si attesta invece al 27,4%, raggiungendo il 44% se riferito alle donne del Mezzogiorno e il tasso d’inattività sale al 37,9%. Secondo i dati, a dominare il mercato del lavoro sono i contratti precari, con quasi 8 nuovi contratti su 10 (ovvero l’76,3%) sono fatti con accordi a termine o collaborazioni.
Nel nostro Paese, il divario di genere è piuttosto accentuato. Nel 2010, in media gli uomini hanno percepito una retribuzione più elevata (1.407 euro) rispetto alle italiane (1.131 euro), circa il 20% in più. Il lavoro domestico è ancora per il 71,3% è ancora a carico delle donne.
Secondo il Rapporto, nel 2010 sono state circa 380mila le lavoratrici dipendenti che hanno beneficiato dell’astensione obbligatoria per maternità. Fra le neo-mamme, il 91% ha un contratto a tempo indeterminato (e vive al Nord nel 58% dei casi), il 9% a tempo determinato (di cui il 52% concentrato nel Sud e isole). Ammontano a 286mila, invece, i lavoratori dipendenti che hanno usufruito di congedi parentali (astensione facoltativa) nel 2010. La natalità, nello specifico, nel 2010 un bambino su quattro (25,4%) è nato al di fuori del matrimonio, il doppio rispetto a dieci anni prima. Il numero medio di figli per donna si attesta a 1,41, con valori pari a 2,23 per le straniere e a 1,31 per le italiane. L’Italia invecchia e ci si sposa sempre più tardi e molto più spesso in municipio. Secondo il rapporto Istat, l’età media al primo matrimonio è di 33,1 anni per gli uomini e di 30,1 anni per le donne (anno 2009), con uno spostamento in avanti di circa 6 anni rispetto al 1980.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia