Crisi economica, Rehn: “L’Unione europea continua a monitorare la situazione italiana” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Rehn: “L’Unione europea continua a monitorare la situazione italiana”

Quelle del governo Monti “sono riforme strutturali fondamentali per migliorare il mercato del lavoro e l’occupazione”, riforme portate avanti con “determinazione” per aumentare “la competività della sua economia”. Lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari Olli Rehn. Nonostante questo, il nostro Paese, assieme a Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Finlandia, Francia, Spagna, Ungheria, Slovenia, Svezia e Regno Unito, deve continuare ad essere monitorato dall’Unione europea.
Per Rehn, a partire dalla metà degli anni ’90 in Italia c’è stato “un deterioramento significativo della competitività”, che si nota ancora attraverso “le persistenti perdite di quote di mercato dell’export”. L’Unione europea non è preoccupata, ha spiegato Rehn, per l’indebitamento del settore privato, che è “relativamente contenuto”, ma dal livello del debito pubblico. Preoccupazioni che crescono “vista la debole performance di crescita e le debolezze strutturali”.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia