Operazione trasparenza. Online i redditi dei ministri | T-Mag | il magazine di Tecnè

Operazione trasparenza. Online i redditi dei ministri

di Matteo Buttaroni

“Con la legge 18 giugno 2009, n. 69 è stato previsto, all’art. 21, che le pubbliche amministrazioni pubblichino sui rispettivi siti internet le retribuzioni annuali, i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale dei dirigenti, nonché le statistiche sui tassi di assenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale”, veniva annunciato da Palazzo Chigi.
Il tema “trasparenza” è stato più volte affrontato da quando ha preso il via il mandato del presidente del Consiglio, Mario Monti, tanto che l’argomento è stato affrontato anche ieri a Piazza Affari dallo stesso premier. Come annunciato nei giorni scorsi, da questa mattina sui siti dei ministeri sono comparsi i primi redditi e situazioni patrimoniali dei titolari nonché di viceministri e sottosegretari.
Nel file pdf pubblicato dal ministro della Difesa, Gianpaolo Di Paola si legge che il suo compenso annuo lordo è di 199.778,25 euro e che dal 16 novembre a fine anno ha percepito esattamente 25.179,17 euro lordi. Inoltre sul rendiconto del ministro si legge: “Non sono in essere rapporti di lavoro dipendente. Viene percepita pensione. Nell’anno 2011 ha percepito i seguenti emolumenti lordi: 314.522,64 euro di pensione provvisoria, 29.441,44 euro per servizio all’estero”. I beni immobili di cui gode sono l’abitazione principale, cioè una casa di 130 mq a Livorno con quota di titolarità al 50%. Sempre secondo la scheda pubblicata dalla stesso ministro, possiede due auto: una Mercedes classe B180 da 109 Cv del 2009 e una VW Polo da 85 CV del 2004. Inoltre possiede 398 azioni Enel, 68 Finmeccanica e 14 della Deutesche Telekom. Tra le quote di fondi comuni di investimento compaiono: 1.468 quote di Pioneer Paesi Emergenti pari del valore di 15 mila euro, 5.877 quote di Pioneer SSF pari a 30 mila euro. Nell’elenco sotto la voce “Altri depositi” si legge: “Bot/Btp per un valore complessivo di 150 mila euro, Polizza Assicurativa Generali da 85 mila euro e Obbligazioni per 655 mila euro.
Per quanto riguarda il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, il reddito dichiarato per il 2011 è stato di 3,5 milioni di euro, sui quali ha pagato 1,4 milioni di euro di tasse. Il reddito previsto per il suo incarico al ministero è di 231.804 euro lordi all’anno. Tra le sue proprietà immobili figurano una casa a Parigi di 141 mq e un terreno a Casale Marittimo in provincia di Pisa di 3.220 mq di qui è proprietario al 100%. Inoltre possiede una Mercedes Classe A180, da 80 Cv e immatricolata nel 2010. Nel riquadro azioni societarie possedute figurano: il 33,3% Lariohotels spa per un valore di quasi cinque milioni di euro e il 33,3% della Immobiliare Venezia srl per un valore di 1.646.021 euro. Per quanto riguarda gli altri depositi, oltre agli 8,8 milioni derivanti dalla vendita delle azioni Intesa, il ministro Passera ha depositato titoli obbligazionari per 169 mila euro, titoli obbligazionari in dollari per 23mila euro, polizze vita per 1,28 milioni e un fondo pensione del valore di 3,3 milioni di euro. Per quanto concerne l’indebitamento il ministro dello Sviluppo economico registra due milioni di euro residuei per i mutui accesi per l’acquisto degli immobili con il Banco di Brescia e a 910 mila euro di importo mancante con il Credit Lyonnais.
Tra le proprietà del ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, figurano un negozio di cui è proprietaria al 50%, un tot di terreni di cui è proprietaria al 20%, tre appartamenti e qualche magazzino. Possiede una Toyota Land Cruiser del 2001 e il suo reddito annuo lordo è di 183.084,35 euro. Inoltre possiede 100 quote finanziarie della Banca Popolare di Vicenza.
Nel pdf pubblicato dal ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, si legge che nel 2010, quando ancora non era ministro, ha guadagnato 504.367 euro lordi pagando 209.657 euro di tasse. Per il suo incarico al ministero, Patroni Griffi guadagnerà 205.915,54 euro lordi all’anno. Il ministro risulta proprietario di un immobile adibito ad abitazione, un terreno ed altre quattro abitazioni in nuda proprietà. Come beni mobili possiede una Bmw 320 del 2005, una Ford Fiesta del 2010, una Toyota Yaris del 2001 e una moto del 2005.

 

Scrivi una replica

News

Banche, Antonio Patuelli confermato presidente dell’Abi

Antonio Patuelli è stato confermato presidente dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana. Lo ha deciso all’unanimità il comitato esecutivo dell’ABI. Patuelli resterà in carica fino all’estate 2020.…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: “Ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno”

L’ambasciata statunitense potrebbe essere trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme “molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno da oggi”. Lo ha…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: “La mancanza di lavoro resta l’emergenza principale dell’Italia”

“La mancanza di lavoro, nonostante negli ultimi tempi si sia registrato un sensibile miglioramento, come risulta anche dai dati dell’Istat dei giorni scorsi, resta l’emergenza…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, l’indipendentista Roger Torrent eletto presidente del Parlamento catalano

Il deputato indipendentista di Girona, Roger Torrent, è il presidente del nuovo Parlamento catalano. Torrent – esponente dell’Erc, i Repubblicani Catalani di Sinistra – è…

17 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia