In Italia gli stipendi medi più bassi d’Europa

In Italia gli stipendi medi sono tra i più bassi dell’eurozona. A dirlo sono gli ultimi dati Eurostat (contenuti nel rapporto Labour market statistics) che evidenziano come il nostro Paese si collochi dietro la Grecia (che necessita di aiuti internazionali per scongiurare il default), Malta, Slovacchia, Slovenia e Portogallo. Le stime si riferiscono al 2009 e prendono in considerazione le aziende con almeno dieci dipendenti.
Inoltre si evidenzia che nell’Unione europea un lavoratore italiano ha guadagnato, sempre nell’anno di riferimento, 23.406 euro lordi, vale a dire quasi la metà di quanto percepito in Lussemburgo (48.914), in Olanda (44.412) e in Germania (41.100). In Irlanda in media i lavoratori hanno guadagnato 39.858 euro, in Finlandia 39.197, in Francia 33.574 e in Austria 33.384. In Grecia gli stipendi si sono attestati a 29.160 euro, in Spagna a 26.316 e a Cipro 24.775 euro.
Non solo. In Italia le retribuzioni – a partire dal 2005 – sono incrementate del 3,3%. In Spagna e Portogallo sono al contrario lievitate rispettivamente del 29,4% e del 22%. E anche nei Paesi che già vantavano dei livelli di partenza soddisfacenti sono aumentante, come ad esempio in Belgio (+11%) e in Olanda (+14,7%).
La differenza di retribuzioni nel nostro Paese tra uomini e donne (unadjusted gender pay gap) è al di sotto della media europea (5% contro il 17%). Ma il dato positivo è una mera illusione perché c’è da tenere conto che in compenso il divario di genere è molto più elevato in Italia per ciò che riguarda la disoccupazione femminile e l’insufficiente ricorso al lavoro part time.

 

1 Commento per “In Italia gli stipendi medi più bassi d’Europa”

Scrivi una replica

News

Ebola, Oms: “Entro metà 2015 pronte almeno 200mila dosi di vaccino”

Secondo quanto riferito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità oltre 200mila dosi di vaccino anti-Ebola potrebbero essere pronte entro la prima metà del 2015.…

24 ott 2014 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Cameron: “Le richieste di Bruxelles sono inaccettabili”

“Inaccettabile”. Il premier britannico David Cameron ha così commentato la richiesta avanzata dall’Unione europea alla Gran Bretagna di pagare un contributo extra da 2,1 miliardi…

24 ott 2014 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Papa Francesco: “Scartare i giovani vuol dire scartare il futuro”

“Si scartano i giovani perché senza lavoro, ma così facendo si scarta il futuro di un popolo. Si ha la sensazione che il momento che…

24 ott 2014 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stress test, Bce: “Domenica per le banche europee l’ora della verità”

Domenica 26 ottobre la Banca centrale europea rivelerà i risultati dell’analisi approfondita e degli stress test che ha condotto sui bilanci degli istituti di credito…

24 ott 2014 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l (MC-link Provider) - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia