Sanità, occorre cambiare il sistema per evitare la deriva | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sanità, occorre cambiare il sistema per evitare la deriva

di Matteo Romani

Diciamoci subito la verità, la vicenda del neonato deceduto al San Giovanni di Roma è solo l’ultimo drammatico episodio, in ordine di tempo, che getta discredito sul nostro sistema sanitario. Parlare di malasanità ormai, per fare contenti i vecchi cronisti, non fa notizia, perché troppi sono i casi di errori, malaffare, incapacità gestionale, con i quali devono fare i conti i cittadini che, loro malgrado, ogni giorno devono recarsi in una struttura ospedaliera.
Eppure la sanità italiana non è da buttare, anzi. Nonostante la parziale compartecipazione alla spesa tramite ticket, l’accesso alle cure è fondamentalmente garantito a tutta la popolazione, a differenza di quanto avviene in molti altri paesi. Ci sono eccellenze in diversi settori chiave della salute umana grazie alla qualità dei nostri medici e ricercatori. Senza dimenticare la grande professionalità e competenza della stragrande maggioranza del personale sanitario, medico e infermieristico, che ogni giorno è costretto ad operare in condizioni critiche, tra ridimensionamento del personale e tagli a budget e risorse. Quotidianamente migliaia di prestazioni vanno a buon fine, nell’indifferenza, o forse sarebbe più corretto dire, nell’ignoranza generale.
Ma allora come si spiega lo sfascio del nostro sistema sanitario? Partendo dal presupposto che l’errore umano e la voglia di truffare il sistema si annidano in ogni categoria ma che in ambito medico possono costare la vita, la sanità italiana sta implodendo su se stessa a causa del principiale meccanismo che ne determina il funzionamento: il rimborso delle prestazioni. Non è certo un mistero che a seconda della prestazioni erogate Asl e ospedali, strutture religiose e private accreditate, percepiscano un rimborso dalle regioni e dunque da tutti noi contribuenti. E’ un meccanismo perverso che ha spinto negli anni a “produrre” prestazioni in eccesso per accaparrarsi i fondi regionali, senza che i pazienti ne traessero un effettivo giovamento. In pratica è stata l’offerta e non la domanda a determinare il numero e la tipologia di cure, prescrizioni e analisi. Risultato le regioni sono sprofondate in deficit di bilancio spaventosi, acuiti da gestioni pessime di manager nominati dalla politica e raramente in grado di gestire strutture complesse come le Aziende Sanitarie. I tagli che ne sono conseguiti hanno ridotto il personale che oggi è costretto a operare sotto organico, con turni spesso massacranti e con attrezzature obsolete poiché non ci sono i fondi per sostituirle. Nel comunicato del Ministero della Salute diramato dopo la visita degli ispettori al San Giovanni di Roma, si fa riferimento a “presenza di incubatrici datate, senza possibilità di pesata e conseguente necessità di disconnessione continua degli infusori (la relazione riferisce di ripetute richieste alla Regione Lazio per questi dispositivi, l’ultima il 30 maggio 2011). Numero limitato del personale sanitario addetto”.
Se si fosse gestito meglio e sperperato meno, forse questo ed altri drammatici episodi si sarebbero potuti evitare. La logica del rientro dal debito che attanaglia la sanità non può calare dall’alto in maniera ragionieristica come una scure. Vanno coinvolte tutte le parti in causa, istituzioni, manager e personale per sviluppare un percorso condiviso che consenta di tagliare si gli sprechi, ma anche di innovare un settore che non può essere abbandonato a se stesso. Ma bisogna fare presto. Altrimenti rischiamo altre “non notizie” come quella del neonato deceduto al San Giovanni.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia