Yemen, rapito un carabiniere italiano nella capitale Sana’a | T-Mag | il magazine di Tecnè

Yemen, rapito un carabiniere italiano nella capitale Sana’a

Un carabiniere italiano, addetto alla sicurezza dell’ambasciata italiana, è stato rapito a Sana’a, capitale del paese. Lo ha reso noto il ministero degli esteri in un comunicato, specificando che l’uomo, un ventinovenne friulano di nome Alessandro (il cognome non è stato divulgato), sarebbe stato sequestrato mentre camminava in una strada vicino alla rappresentanza diplomatica italiana nel quartiere di Hadda. Il carabiniere, caposcorta dell’ambasciatore, era uscito dalla sede dell’ambasciata italiana intorno alle 14 per recarsi in una zona commerciale della capitale, ma dopo due ore i suoi colleghi non sono più riusciti a rintracciarlo. A quel punto sono immediatamente state avvertite le autorità competenti.
Si è immediatamente attivata l’unità di crisi della Farnesina che ha dichiarato di voler mantenere “il più stretto riserbo per favorire un esito positivo della vicenda”. Giulio Terzi, ministro degli esteri, ha già avuto un colloquio telefonico con Abu Bakr al-Qirbi, suo omologo yemenita, il quale ha assicurato la massima collaborazione e impegno da parte del proprio governo per giungere a una soluzione positiva. Durante la conversazione il ministro ha enfatizzato che “la priorità assoluta deve essere anzitutto quella di tutelare l’incolumità del nostro connazionale”. Non è ancora pervenuta alcuna rivendicazione da parte dei jihadisti vicini ad al-Qaeda né dalle milizie tribali: l’ipotesi più accreditata è quella che i responsabili siano una banda di criminali locali. Al-Qirbi ha tuttavia rassicurato la sua controparte spiegando che il rapimento di stranieri è un atto che viene condannato da tutti gli yemeniti ed è contrario all’Islam e alle leggi del paese.
Ultimamente è un periodo un po’ turbolento in Yemen. Proprio oggi i media locali hanno riferito che a Sana’a nella mattinata decine di uomini armati hanno fatto irruzione nell’edificio del ministero dell’Interno, protestando per la mancanza di lavoro. Alcuni impiegati sono stati tenuti per breve tempo in ostaggio, prima di essere rilasciati.

 

Scrivi una replica

News

Alitalia, Gubitosi: “La compagnia ha tanti soldi in cassa”

Alitalia “ha tanti soldi in cassa”. Lo ha detto il commissario straordinario della compagnia, Luigi Gubitosi, replicando alle domande dei parlamentari nel corso di un’audizione…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Ue: “Non annacquare le sue disposizioni principali”

“Riconosciamo che l’Italia ha fatto molti sforzi di recente per la competitività e la crescita”, ma “è cruciale” che adotti la manovra 2108 “senza annacquare…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia