Tasso di motorizzazione ancora alto per le auto più inquinanti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tasso di motorizzazione ancora alto per le auto più inquinanti

Pubblichiamo di seguito uno stralcio del report dell'Istat "Indicatori ambientali urbani"

Dopo due anni di lievi diminuzioni, il tasso di motorizzazione (numero di autovetture per mille abitanti) dei comuni capoluogo di provincia torna ad aumentare (+0,5% rispetto all’anno precedente) ed è di circa 614 autovetture per mille abitanti. Dal duemila il valore più elevato si è registrato nel 2003 (639,3 autovetture per mille abitanti), il minimo nel 2000 (606,8).
Sono Aosta12 (2.168,2 per mille abitanti), Viterbo (754,4), L’Aquila (745,1), Frosinone (728,2), Latina (727,8), Catania (721,7), Potenza (714,5), Vibo Valentia (710,6), Nuoro (705,5), Olbia (703,6) e Rieti (702,1) gli 11 capoluoghi di provincia che hanno fatto registrare più di 700 autovetture per mille abitanti (erano nove nel 2010).
Il tasso di motorizzazione risulta elevato quasi ovunque: sono, infatti, 74 i comuni capoluogo di provincia con più di 600 autovetture per mille abitanti. I valori meno elevati dell’indicatore, (meno di una autovettura ogni due abitanti) si riscontrano invece a La Spezia (498,3), Genova (465,1) e Venezia (412,2).
Risulta ancora leggermente predominante la presenza di autovetture più inquinanti; il tasso di motorizzazione delle autovetture euro 0, euro I, euro II e III è pari a 325,8, mentre per le autovetture euro IV e V è pari a 287,9.
Rallenta negli ultimi anni la crescita del numero di motocicli. Nei comuni capoluogo di provincia, si contano mediamente 131,5 motocicli ogni mille abitanti (+1,1% rispetto al 2010). Aumenti ben più consistenti si erano presentati negli anni precedenti al 2006, con un picco nel 2001 (+13,0% sul 2000). Nonostante il rallentamento della crescita, dal duemila si rileva complessivamente un aumento medio annuo del 5,6%, da attribuirsi anche alla scarsa disponibilità in ambito urbano di aree destinate alla sosta, al crescente congestionamento del traffico, all’aumento delle aree per le quali è stata disposta la limitazione o l’interdizione alla circolazione dei veicoli.
Sono otto i comuni capoluogo di provincia dove si contano più di 200 motocicli ogni mille abitanti: Imperia (256,9), Livorno (254,5), Savona (237,6), Pesaro (233,3), Genova (227,5), Catania (217,9), Rimini (215,7) e Siena (211,5). Sempre in otto comuni (sei tra i capoluoghi sardi e due pugliesi) i valori dell’indicatore non raggiungono invece i 60 motocicli per mille abitanti, con il minimo a Villacidro (43,2) e Sanluri (41,2).
La presenza di motocicli più inquinanti (euro 0, euro I ed euro II) è tuttora dominante. Per ogni motociclo di tipo euro III se ne contano infatti più di due di tipo maggiormente inquinante (rispettivamente 92,4 e a 41,7 motocicli per mille abitanti).
La densità veicolare (numero di veicoli per km2 di superficie comunale), calcolata considerando i mezzi adibiti sia al trasporto di persone sia al trasporto di merci13, è pari a 725,9 veicoli per km2 (valore medio riferito al complesso dei comuni capoluogo di provincia), con un aumento dell’1,1% rispetto al 2010. In 49 comuni si riscontra una densità veicolare superiore alla media, con il valore massimo a Napoli (6.323,2), seguita nell’ordine da Milano (5.313,5), Torino (5.248,0), Aosta14 (4.582,7), Palermo (3.488,0), Monza (3.090,6), Pescara (3.064,4) e Firenze (3.014,3). Quest’ultima, insieme Palermo, guadagna posizioni in graduatoria per densità di motocicli. Bassi valori di densità veicolare (inferiore ai 100 mezzi per km2) caratterizzano Enna (66,9) e molti capoluoghi della Sardegna: Iglesias (94,9), Lanusei (88,9), Sanluri (74,7), Villacidro (61,7) e Tempio Pausania (51,9).
La domanda di trasporto pubblico15, espressa dal numero di passeggeri trasportati in un anno dall’insieme delle varie modalità di trasporto pubblico urbano è pari, nel 2011, a 227,6 passeggeri per abitante, in lieve diminuzione (-0,2%) rispetto all’anno precedente (Figura 14).
Oltre che in otto grandi comuni16 (Milano con 699,2 passeggeri trasportati per abitante, Venezia 673,2, Roma 528,2, Trieste 341,5, Genova 254,8, Firenze 246,4, Bologna 243,8 e Cagliari 230,9), valori superiori al dato medio si rilevano anche a Bergamo (269,8) e Siena (251,9). A Milano, Venezia e Roma ogni abitante effettua (in media) più di un viaggio al giorno ma si resta comunque al di sotto dei due.
In 14 capoluoghi del Mezzogiorno (tra i quali otto della Sardegna e tre della Sicilia), oltre a Latina e Sondrio, dove pure la domanda di trasporto pubblico locale è particolarmente contenuta, si contano meno di 10 passeggeri trasportati per abitante.
In 61 comuni si assiste a una contrazione della domanda di trasporto pubblico rispetto all’anno precedente. Le riduzioni più accentuate, superiori al 20%, si verificano a Tortolì, Bari, Latina e Teramo, mentre un orientamento alla riduzione di più lungo periodo caratterizza sei comuni (Arezzo, Rimini, Pistoia, Vicenza, Taranto, Rovigo), che presentano, nell’arco di un quinquennio, variazioni sempre negative dell’indicatore considerato.
Aumenti consistenti, superiori al 10%, si registrano a Trani, Frosinone, Chieti e Verbania e, sempre nell’arco di un quinquennio, dieci comuni segnano un andamento orientato alla continua crescita della domanda: Lecce, Verona, Biella, Pesaro, Torino, Modena, Trento, Ravenna, Carbonia e Lanusei.
Nei grandi comuni la domanda di trasporto pubblico (5,6 volte superiore a quella osservata nei capoluoghi più piccoli) è pari in media a 361,5 passeggeri per abitante, valore stabile rispetto al 2010 (+0,1%). Nei rimanenti comuni la domanda di trasporto pubblico è decisamente inferiore, pari a 64,5. La contrazione della domanda registrata per il complesso dei comuni capoluogo nel 2011 è quindi da attribuire alle dinamiche negative (-2,3% rispetto all’anno precedente) che caratterizzano quest’ultimo aggregato di comuni.
Alla fine del 2011 sono 95, come nel 2010, i comuni capoluogo di provincia che hanno adottato il Piano urbano del traffico veicolare (Put), strumento di pianificazione previsto dall’art. 36 del “Nuovo codice della strada”, finalizzato a migliorare le condizioni di circolazione e della sicurezza stradale, a ridurre l’inquinamento acustico e atmosferico e al risparmio energetico. Tra i. comuni obbligati all’approvazione del Put 14 risultano non ancora adempienti: Nel 2011 Tortolì si aggiunge a Carbonia, Sondrio e Isernia e incrementa il numero dei comuni dotati di un Piano urbano del traffico, benché non soggetti ad obblighi di legge in funzione della ridotta dimensione demografica.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia