Aleppo: Dalla repressione indiscriminata al conflitto armato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Aleppo: Dalla repressione indiscriminata al conflitto armato

“In un nuovo rapporto pubblicato oggi sulla Siria, Amnesty International ha affermato che l’assalto lanciato in questi giorni dalle forze governative contro la città di Aleppo costituisce il culmine di mesi di brutale repressione contro le voci dissidenti.
Nel suo rapporto, frutto di indagini compiute direttamente ad Aleppo alla fine di maggio, Amnesty International documenta l’uso costante di munizioni letali da parte delle forze di sicurezza e degli shabiha (le famigerate milizie governative) contro manifestazioni pacifiche, le uccisioni e i ferimenti di chi vi prendeva parte così come di chi vi era estraneo, bambini compresi, e la caccia ai feriti, ai medici che curavano questi ultimi e agli attivisti dell’opposizione.
“L’attacco contro Aleppo, che pone sempre di più la popolazione civile a rischio, è il prevedibile sviluppo di quel modello di violazioni dei diritti umani commesse dalle forze di sicurezza in tutto il paese” – ha dichiarato Donatella Rovera di Amnesty International, che ha recentemente trascorso diverse settimane nel nord della Siria, inclusa la città di Aleppo.
Il nuovo rapporto di Amnesty International racconta come famiglie di persone uccise per aver preso parte o aver assistito a manifestazioni abbiano ricevuto pressioni per firmare dichiarazioni secondo le quali i loro parenti erano stati assassinati da “bande armate di terroristi”.
Le manifestazioni ad Aleppo, la maggiore città della Siria e il suo principale centro economico, sono iniziate più tardi e hanno avuto minore partecipazione rispetto alle altre grandi città.
Tuttavia, negli ultimi mesi, col crescere della dimensione e della frequenza delle proteste antigovernative in questa città, gli apparati di sicurezza hanno reagito col loro tipico, indiscriminato e brutale uso della forza che ha inevitabilmente provocato la morte e il ferimento di manifestanti pacifici e l’impiego della tortura, delle minacce e delle intimidazioni nei confronti degli arrestati.
Il rapporto di Amnesty International descrive tutta una serie di violazioni dei diritti umani commesse dalle forze statali, tra cui i deliberati attacchi contro manifestanti e attivisti pacifici, la caccia ai manifestanti feriti e ai medici che li curavano, l’abituale ricorso alla tortura, gli arresti arbitrari e le sparizioni forzate.
“Le manifestazioni pacifiche cui ho assistito in varie zone di Aleppo sono terminate invariabilmente nello stesso modo: con le forze di sicurezza che sparavano proiettili letali contro i partecipanti, uccidendo o ferendo in modo indiscriminato e sconsiderato questi ultimi così come persone che stavano assistendo alle proteste” – ha dichiarato Rovera.
Nel suo rapporto, Amnesty International rinnova la richiesta al Consiglio di sicurezza di garantire la presenza di una missione di osservatori sui diritti umani in Siria, o estendendo ed espandendo l’ormai paralizzata e in via di scadenza Missione di supervisione dell’Onu in Siria (Unsmis) o istituendo un altro meccanismo. L’organizzazione per i diritti umani ribadisce ancora una volta l’urgenza che il Consiglio di sicurezza deferisca la situazione della Siria alla Corte penale internazionale e imponga un embargo sulle armi alla Siria, con l’obiettivo di fermare l’afflusso di armi al governo di Damasco. Infine, Amnesty International chiede al Consiglio di sicurezza di congelare i beni del presidente Bashar al-Assad e di altre persone sospettate di aver ordinato o eseguito crimini di diritto internazionale.
Mentre la crisi della Siria si è trasformata in conflitto armato e aumentano le denunce di abusi commessi dall’opposizione armata, Amnesty International chiede a tutti i governi intenzionati a inviare armi all’Esercito libero siriano o ad altri gruppi armati di opposizione, di effettuare preventivamente una valutazione del rischio, basata su informazioni oggettive, per evitare che quelle armi possano essere usate per compiere o favorire gravi violazioni dei diritti umani, compresi crimini di diritto internazionale.
Amnesty International ha potuto indagare in modo indipendente sulle violazioni dei diritti umani in Siria, compresa la città di Aleppo e i suoi dintorni. La sua conclusione è che il governo siriano è responsabile di violazioni di massa che equivalgono a crimini contro l’umanità.
“È del tutto evidente che il governo siriano non ha intenzione di far cessare, per non parlare di sottoporli a inchiesta, questi crimini, tanto che le autorità hanno tentato d’impedire qualsiasi indagine indipendente sulle gravi violazioni ad Aleppo e nelle altre parti del paese” – ha commentato Rovera. “Spetta alla comunità internazionale dare giustizia alla popolazione siriana e assicurare che i responsabili di questi gravi crimini e violazioni siano chiamati a risponderne”.
“Tuttavia, solo pochi giorni fa, il Consiglio di sicurezza ha nuovamente mancato l’accordo su una risoluzione sulla Siria. Non c’è da sorprendersi se la paralisi della comunità internazionale degli ultimi 18 mesi abbia fatto credere al governo siriano di poter continuare impunemente a commettere violazioni dei diritti umani, compresi crimini di guerra e crimini contro l’umanità. La situazione della Siria dev’essere deferita alla Corte penale internazionale senza ulteriore ritardo” – ha concluso Rovera”, è quanto riportato in n comunicato stampa di Amnesty International che anticipa il rapporto Syria: All-out repression: Purging dissent in Aleppo”

.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: “Il Qe proseguirà al ritmo di 30 miliardi al mese fino a settembre 2018”

Il Quantitative easing proseguirà al ritmo ridotto di 30 miliardi di titoli di Stato acquistati al mese da gennaio a settembre 2018, o anche oltre…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

La Walt Disney Company ha acquistato la Twenty-First Century Fox di Murdoch

La Walt Disney Company ha comprato la Twenty-First Century Fox, Inc, fino ad ora di proprietà di Rupert Murdoch. Il costo complessivo dell’operazione è di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin: “Alle prossime elezioni mi candiderò da indipendente”

Alle prossime elezioni presidenziali russe, Vladimir Putin si candiderà da indipendente. Lo ha annunciato nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno. “Conto di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

G20, nel terzo trimestre Pil in crescita dell’1%

Nel terzo trimestre del 2017, il Prodotto interno lordo del G20 – sigla che raccoglie le venti principali economie del mondo – è cresciuto dell’1%…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia