Green economy: una risposta alla crisi? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Green economy: una risposta alla crisi?

Una risposta alla crisi economica, certo non esaustiva ma comunque importante, potrebbe giungere dalla green economy che in termini di occupazione e produttività è uno dei pochi settori a garantire lavoro e possibilità di sviluppo. Dal 2007 al 2011, infatti, il numero di impianti fotovoltaici installati in Italia è passato da 7.647 a 330.196. Il settore dei “Lavori di costruzione specializzata” ha così registrato un aumento dell’occupazione pari all’11,9% tra il 2010 e il 2011. In questo ambito, inoltre, l’Italia può vantare il primato rispetto ai partner europei. In Germania, ad esempio, è stato rilevato un aumento dell’occupazione nel settore dell’1,2%, mentre in Francia (-1%), Gran Bretagna (-4,2%) e Spagna (-9,8%) le cose vanno diversamente. E anche il numero delle imprese coinvolte è in aumento. Dal primo trimestre del 2009 al primo trimestre del 2012, il numero delle aziende attive nel settore delle fonti rinnovabili è cresciuto del 10,2%, attestandosi su 100.289 imprese con 369.231 addetti. I numeri sono stati presentati qualche settimana fa dall’ufficio studi di Confartigianato. “Le energie rinnovabili – veniva sottolineato – offrono grandi potenzialità di sviluppo alle piccole imprese, sia in termini di innovazione sia per la creazione di posti di lavoro”.
Nello specifico il fotovoltaico ha superato l’eolico diventando la prima fonte energetica rinnovabile in Italia, ad eccezione dell’idroelettrico. Si tratta di un sorpasso storico, avvenuto a febbraio 2012, quando il fotovoltaico produceva 10.678 GWh contro i 10.568 GWh dell’eolico. L’ufficio studi di Confartigianato ha inoltre sottolineato come oggi, soltanto con l’energia prodotta dal fotovoltaico, potrebbe essere soddisfatto il fabbisogno energetico delle famiglie di tutto il Sud Italia (14.451 GWh).
Nel comparto eolico, invece, come rilevato nel Rapporto Italia 2012 dell’Eurispes, nonostante la battuta di arresto registrata rispetto al 2009 (615 macchine installate contro 652) il fatturato si è attestato intorno a 1,7 miliardi di euro. Sebbene solo una ridotta percentuale delle macchine installate sia costruita in Italia, l’impatto occupazionale è significativo, in particolare nel Meridione, dove minori (quasi a livello strutturale) sono le opportunità di lavoro. Le cinque regioni con maggior potenza installata a fine 2010 sono nell’ordine: Sicilia (1.450 MW), Puglia (1.286 MW), Campania (814 MW), Sardegna (674 MW) e Calabria (587).
Circa 8.200 unità lavorative – rileva sempre l’Eurispes – sono direttamente impiegate nel settore eolico alla fine del 2010, e questa cifra sale a più di 28.000 considerando l’intero indotto del settore. Tuttavia, nonostante l’elevata diffusione degli impianti, il coinvolgimento dell’industria nazionale (in particolare medie e grandi imprese) è stato scarso e anche le attività di ricerca e sviluppo nel settore sono risultate modeste. I costruttori delle turbine eoliche installate in Italia sono prevalentemente stranieri. Quasi il 43% del mercato è detenuto dall’industria danese, mentre l’industria tedesca pesa per quasi il 27%, seguita da quella spagnola con una quota del 22%. Per quanto riguarda le sole installazioni del 2010, su un totale di 948 MW, 328 MW sono stati installati con turbine tedesche, 313 MW con turbine danesi, 272 MW con macchine spagnole.
L’eolico presenta alcune criticità. Innanzi tutto il costo d’investimento delle centrali eoliche che in Italia è più alto che in altri paesi in quanto la maggioranza degli impianti sono stati installati in aree collinari o montane non sempre facilmente accessibili, con un conseguente aumento dei costi di trasporto, installazione, connessione alla rete elettrica, operatività e manutenzione.

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 137 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 137 punti.…

23 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia