Mongolia, l’ex presidente Enkhbayar condannato per corruzione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mongolia, l’ex presidente Enkhbayar condannato per corruzione

Nambar Enkhbayar, ex presidente della Mongolia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per corruzione. L’uomo era stato arrestato lo scorso aprile ed accusato di abuso di potere, nello specifico di essersi appropriato di donazioni destinate ad un monastero e di aver reso possibile la privatizzazione (illegale) di un albergo e di una società editrice.
Enkhbayar ha dichiarato che ricorrerà in appello, ritenendo le accuse politicamente motivate. Secondo l’uomo, infatti, si tratterebbe di una strategia messa in piedi dagli avversari politici del partito democratico per impedirgli di presentarsi alle prossime elezioni presidenziali. Prima di diventare presidente del paese dal 2005 al 2009, il 54enne era anche stato primo ministro dal 2000 al 2004.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Di Maio: «C’è totale energia e sintonia con Salvini e Conte»

«L’incontro è andato molto bene». Lo ha detto il capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, intervenendo al termine del vertice con il…

25 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Conte: «Mattinata di lavoro molto proficua»

«Mattinata di lavoro molto proficua». Lo ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, postando una foto che lo ritrae con Luigi Di…

25 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Gentiloni: «Per andare fuori strada a volte bastano poche settimane»

«Risalire una china per cinque lunghi anni come l’Italia ha fatto non è semplice: purtroppo ad andare fuori strada non servono cinque anni ma pochi…

25 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti: Harvey Weinstein si è consegnato alla polizia

Harvey Weinstein, importante produttore cinematografico statunitense da tempo sotto i riflettori per una serie di scandali legati alle accuse di molestie che gli sono state…

25 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia