Crisi economica, Alfano: “Vogliamo realizzare uno scudo tutto italiano” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Alfano: “Vogliamo realizzare uno scudo tutto italiano”

“La proposta di attacco al debito pubblico presentata dal Pdl serve proprio a questo: a farcela da soli e insieme a ridare respiro all’economia. Possiamo e dobbiamo farlo. Vogliamo realizzare uno scudo tutto italiano. Questo renderà più forti e più credibili le nostre sacrosante richieste di modifica dello Statuto della Bce”. A spiegarlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è il segretario del Pdl, Angelino Alfano.
Il segretario del partito di Berlusconi analizza l’attuale fase caratterizzata sempre da una crisi finanziaria che si ripercuote sull’economia reale: “Per mesi, è circolato il grande inganno per cui sarebbe bastato un passo indietro di Berlusconi per risolvere i problemi del Paese. Il problema è e resta l’incompiutezza dell’attuale Europa, che lascia spazio agli eccessi di rigidità di una Germania che rischia di essere sempre più forte, ma in un panorama di ruderi. Siamo in guerra, anche se non sentiamo il rumore delle bombe. Occorre riprendere tutto dalle radici più profonde: la vera risposta è quella di realizzare al più presto una piena unità europea (politica, economica, finanziaria, fiscale), accompagnata da un radicale cambio di missione della Bce, che la trasformi in un soggetto prestatore di ultima istanza”. E sul possibile “memorandum”, necessario in caso di richiesta di aiuti alla Bce, Alfano sottolinea: “Se si tratta di confermare impegni già assunti, nulla quaestio, si può fare. Ma se invece qualcuno pensa di farci l’esame del sangue, o di metterci sotto tutela, si sbaglia”.
Tra le altre cose c’è poi la proposta di abolire l’Imu. “Con un simile choc positivo e cioè un abbattimento del debito da 400 miliardi, si possono fare molte cose. Primo – analizza Alfano -: come dicevo, portare il rapporto debito/Pil sotto quota 100%. Secondo: ottenere una immediata riduzione della spesa per interessi. Su queste basi, sarebbe possibile avviare immediatamente una riduzione della pressione fiscale”.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia