Istat: “Calano su base mensile le importazioni (-5,3%) e le esportazioni (1,4%)” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Calano su base mensile le importazioni (-5,3%) e le esportazioni (1,4%)”

“A giugno, rispetto al mese precedente, si rileva una flessione per entrambi i flussi, più accentuata per l’import (-5,3%) rispetto all’export (-1,4%). La diminuzione congiunturale dell’export è spiegata dal decremento delle vendite verso i paesi extra Ue (-2,8%), mentre l’export verso la Ue è sostanzialmente stazionario (-0,1%). La contrazione delle vendite di beni strumentali e di prodotti energetici è particolarmente rilevante (-4,7% per entrambi)”. A renderlo noto, con un comunicato diffuso oggi 9 agosto, è stato l’Istat.
“L’importante calo delle importazioni – si legge ancora nella nota – coinvolge entrambe le aree di interscambio (-5,9% per i paesi extra Ue, -4,6% per i paesi Ue), con diminuzioni particolarmente rilevanti per i beni strumentali (-9,5%) e i prodotti intermedi (-5,1%).
A giugno l’aumento tendenziale del valore delle esportazioni (+5,5%) è spiegato dall’incremento sia dei valori medi unitari (+3,8%) sia dei volumi (+1,7%). La riduzione tendenziale del valore delle importazioni (-7,1%) è determinata da una forte flessione dei volumi (-10,0%), mentre i valori medi unitari registrano un contenuto incremento (+3,2%).
A giugno – rileva l’Istat – il saldo commerciale è positivo e pari a 2,5 miliardi, con avanzi sia per i paesi extra Ue (+1,5 miliardi) sia per quelli Ue (+1,0 miliardi). Nei primi sei mesi dell’anno si registra un crescita tendenziale delle esportazioni (+4,2%), mentre le importazioni si riducono (-5,8%).
Nello stesso periodo, il saldo commerciale, sostenuto dal forte avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (+32,6 miliardi), è prossimo al pareggio (-85 milioni). In particolare, l’avanzo nell’interscambio di beni strumentali contribuisce per oltre il 70% al surplus registrato per i prodotti diversi dall’energia.
Rispetto a giugno 2011, i mercati più dinamici all’export sono Giappone (+38,0%), Stati Uniti (+35,4%) e paesi Opec (+33,0%). In crescita le vendite di articoli sportivi, giochi e preziosi (+17,8%), prodotti petroliferi raffinati (+16,7%) e farmaceutici (+16,1%).
È marcata la flessione delle importazioni dall’India (-44,2%) e dai paesi Mercosur (-33,4%), mentre sono in forte crescita gli acquisti dai paesi Opec (+25,3%). Gli acquisti di autoveicoli (-26,3%), prodotti tessili (-19,6%) e metalli di base e prodotti in metallo (-14,9%) registrano una significativa contrazione.
L’incremento delle vendite di metalli e prodotti in metallo in Svizzera, paesi Opec e Stati Uniti spiega quasi un quinto dell’aumento tendenziale dell’export”.

 

Scrivi una replica

News

Calcio, l’Olimpico di Roma ospiterà la gara inaugurale di Euro 2020

La partita inaugurale degli Europei 2020 di calcio si disputerà allo stadio Olimpico di Roma. Lo ha annunciato l’UEFA, l’organizzazione che governa il calcio europeo.…

7 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, cresce il numero dei feriti negli scontri a Gerusalemme

Cresce il numero delle persone rimaste ferite negli scontri tra i reparti militari israeliani e i dimostranti palestinesi, a Gerusalemme. Citando fonti mediche palestinesi, il…

7 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz al congresso del Spd: “Fidatevi ancora di me”

“Siamo atterrati da dove siamo partiti, il 20,5%. Io porto la responsabilità per questo risultato elettorale e chiedo scusa”. Lo ha detto il leader del…

7 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, nel terzo trimestre Pil in crescita dello 0,6% su base trimestrale

Nel terzo trimestre 2017, il Prodotto interno lordo dell’Eurozona è aumentato dello 0,6% su base trimestrale. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, confermando…

7 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia