Istat: “Calano su base mensile le importazioni (-5,3%) e le esportazioni (1,4%)” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Calano su base mensile le importazioni (-5,3%) e le esportazioni (1,4%)”

“A giugno, rispetto al mese precedente, si rileva una flessione per entrambi i flussi, più accentuata per l’import (-5,3%) rispetto all’export (-1,4%). La diminuzione congiunturale dell’export è spiegata dal decremento delle vendite verso i paesi extra Ue (-2,8%), mentre l’export verso la Ue è sostanzialmente stazionario (-0,1%). La contrazione delle vendite di beni strumentali e di prodotti energetici è particolarmente rilevante (-4,7% per entrambi)”. A renderlo noto, con un comunicato diffuso oggi 9 agosto, è stato l’Istat.
“L’importante calo delle importazioni – si legge ancora nella nota – coinvolge entrambe le aree di interscambio (-5,9% per i paesi extra Ue, -4,6% per i paesi Ue), con diminuzioni particolarmente rilevanti per i beni strumentali (-9,5%) e i prodotti intermedi (-5,1%).
A giugno l’aumento tendenziale del valore delle esportazioni (+5,5%) è spiegato dall’incremento sia dei valori medi unitari (+3,8%) sia dei volumi (+1,7%). La riduzione tendenziale del valore delle importazioni (-7,1%) è determinata da una forte flessione dei volumi (-10,0%), mentre i valori medi unitari registrano un contenuto incremento (+3,2%).
A giugno – rileva l’Istat – il saldo commerciale è positivo e pari a 2,5 miliardi, con avanzi sia per i paesi extra Ue (+1,5 miliardi) sia per quelli Ue (+1,0 miliardi). Nei primi sei mesi dell’anno si registra un crescita tendenziale delle esportazioni (+4,2%), mentre le importazioni si riducono (-5,8%).
Nello stesso periodo, il saldo commerciale, sostenuto dal forte avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (+32,6 miliardi), è prossimo al pareggio (-85 milioni). In particolare, l’avanzo nell’interscambio di beni strumentali contribuisce per oltre il 70% al surplus registrato per i prodotti diversi dall’energia.
Rispetto a giugno 2011, i mercati più dinamici all’export sono Giappone (+38,0%), Stati Uniti (+35,4%) e paesi Opec (+33,0%). In crescita le vendite di articoli sportivi, giochi e preziosi (+17,8%), prodotti petroliferi raffinati (+16,7%) e farmaceutici (+16,1%).
È marcata la flessione delle importazioni dall’India (-44,2%) e dai paesi Mercosur (-33,4%), mentre sono in forte crescita gli acquisti dai paesi Opec (+25,3%). Gli acquisti di autoveicoli (-26,3%), prodotti tessili (-19,6%) e metalli di base e prodotti in metallo (-14,9%) registrano una significativa contrazione.
L’incremento delle vendite di metalli e prodotti in metallo in Svizzera, paesi Opec e Stati Uniti spiega quasi un quinto dell’aumento tendenziale dell’export”.

 

Scrivi una replica

News

Musica: morto il violinista jazz Didier Lockwood

Il violinista jazz francese Didier Lockwood è morto a 62 anni in seguito ad una crisi cardiaca.…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fitch ha alzato il rating della Grecia da B- a B

L’agenzia di rating Fitch ha alzato il rating della Grecia da B- a B con outlook positivo…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

BCE: arrestato per corruzione Ilmars Rimsevics, governatore Banca centrale lettone

Ilmars Rimsevics, governatore della banca centrale della Lettonia e membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea, è stato arrestato dall’ufficio anti-corruzione lettone. È quanto…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 127 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 127 punti.…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia