C’è qualcuno che ha paura del buio? | T-Mag | il magazine di Tecnè

C’è qualcuno che ha paura del buio?

di Claudia Carmenati

Mi spengo solo all’idea, io con le mie linee curve, sinuosa, mollata per quello stecco secco. Si dicono “più compatte”, se se. Io sono una signora dell’altro secolo, di nobili origini ma pronta generosa a illuminare tutti con la mia presenza. Mio padre, scienziato e inventore, cui devo il carattere incandescente, soleva dire “il genio è l’uno per cento di ispirazione e il novantanove per cento di traspirazione” non senza arroganza. Ho portato la rivoluzione dei costumi nel secolo scorso, senza mai passare di moda nonostante il cambio di millennio. Musa d’arte e trasgressione, il mio bagliore al Moulin Rouge ha ispirato e corrotto generazioni. Protagonista in tutte le arti. Versatile e amatissima dai grandi del cinema, le mie apparizioni hanno reso le scene memorabili… un esempio? Accanto a Cary Grant ne Il sospetto di Hitchcock, una presenza da Oscar. Aristocratica e popolare, eterna anche nei fumetti, accanto ad Archimede Pitagorico. E ora cosa direte, quando avrete un’intuizione brillante? Mi si è acceso un Led? Mi sono consumata anni, per l’esattezza 134, di onorato servizio, e ora mi cacci solo perché non ti faccio risparmiare.
Eppure, nonostante la sua gloriosa storia, è tempo per l’Unione europea di dire addio alle lampadine ad incandescenza. Dal 1 settembre scatta la messa al bando, con la sola autorizzazione a venderne le rimanenze di magazzino.
Ci mancherà il suo profilo, il tipo di luce emanata. Non ci mancheranno invece i consumi e le emissioni. Il WWF calcola che sostituendo una lampadina a incandescenza da 75W con una equivalente a risparmio energetico di soli 15 W (920-970 lumen) si risparmia il 70% dei costi. Non è tutto, le lampadine ad alta efficienza determinano l’emissione di molta meno CO2. Nella sostituzione descritta, la lampadina a incandescenza avrebbe emesso 76 kg di CO2, l’equivalente lampadina ad alta efficienza ne emette solo 15 kg, con un risparmio in emissioni di CO2 di circa l’80% rispetto al passato.
Ma il fascino delle lampadine può rivivere in nuove forme. D’altronde la versatilità è sempre stata una sua caratteristica. Sul sito greenme.it diversi suggerimenti per un riuso creativo: ampolle per fiori, saliere, micro giardini, decorazioni natalizie. Niente addii quindi, c’è sempre una luce alla fine del tunnel.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia