Crisi economica, Eurispes: “Redditi famiglie non sufficienti” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Eurispes: “Redditi famiglie non sufficienti”

“Con la crisi economica oltre allo spread sui titoli di Stato cresce anche quello tutto italiano tra ricchezza reale, redditi dichiarati e tenore di vita delle famiglie italiane, un differenziale che, soprattutto nelle regioni e nelle province del sud, registra livelli significativamente elevati”. Lo si legge in un comunicato diffuso dall’Eurispes.
“Gli studi più recenti elaborati dall’Eurispes mostrano che i redditi di una famiglia tipo in varie città del nord, del centro e del sud Italia non sono sufficienti a fare fronte alle spese necessarie per condurre una vita dignitosa.
Analizzando e mettendo a confronto le principali voci di entrata e uscita del bilancio di una famiglia italiana-tipo, emergono differenziali significativi tra le diverse regioni del Paese con il primato assoluto delle regioni del Mezzogiorno.
L’osservazione dei dati su base regionale, pone al primo posto la Puglia, dove lo spread tra ricchezza dichiarata e benessere reale si attesta a 54 punti base, seguita da Sicilia, Campania e Calabria (spread rispettivamente di 53, 51 e 50 punti).
Al contrario, lo squilibrio tra entrate e uscite di cassa – indice di una ricchezza familiare “non dichiarata” -, è minore nelle regioni del centro nord, in particolare in Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna dove il differenziale registra valori minimi: rispettivamente di 1, 11, 12, 13 e 16 punti base.
In 18 province lo spread supera quota 50 punti (Catania, Ragusa, Sassari, Brindisi ed Agrigento in testa, con differenziali pari o superiori a 57 punti base).
Altre 60 province (la maggioranza assoluta) ha uno spread compreso tra 20 (Reggio nell’Emilia) e 50 (Avellino, Siracusa, Reggio di Calabria). Si tratta in prevalenza di province localizzate nel Mezzogiorno e nel centro Italia.
A conferma del dato regionale si osserva che tra le 25 province che registrano i livelli di spread più bassi (inferiori ai 20 punti), troviamo soprattutto le città del nord Italia, segno di un maggiore equilibrio tra entrate e uscite di cassa e di una minore incidenza dell’economia sommersa sul sistema economico locale”.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: “Il Qe proseguirà al ritmo di 30 miliardi al mese fino a settembre 2018”

Il Quantitative easing proseguirà al ritmo ridotto di 30 miliardi di titoli di Stato acquistati al mese da gennaio a settembre 2018, o anche oltre…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

La Walt Disney Company ha acquistato la Twenty-First Century Fox di Murdoch

La Walt Disney Company ha comprato la Twenty-First Century Fox, Inc, fino ad ora di proprietà di Rupert Murdoch. Il costo complessivo dell’operazione è di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin: “Alle prossime elezioni mi candiderò da indipendente”

Alle prossime elezioni presidenziali russe, Vladimir Putin si candiderà da indipendente. Lo ha annunciato nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno. “Conto di…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

G20, nel terzo trimestre Pil in crescita dell’1%

Nel terzo trimestre del 2017, il Prodotto interno lordo del G20 – sigla che raccoglie le venti principali economie del mondo – è cresciuto dell’1%…

14 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia