Intercettazioni, la Procura di Palermo: “Non abbiamo nulla contro Napolitano” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Intercettazioni, la Procura di Palermo: “Non abbiamo nulla contro Napolitano”

Il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, intervistato da Repubblica, ha detto: “Il servizio di Panorama rischia di avere effetti destabilizzanti. Punta a disorientare l’opinione pubblica, gettando sulle spalle della procura di Palermo l’accusa di un ricatto al Quirinale. Ma noi non siamo contro il Colle. Consideriamo al contrario il Presidente della Repubblica un punto di superiore tenuta istituzionale che va difeso”.
Confermo che – ha detto Ingroia – dalla procura non è uscito un solo rigo del contenuto delle intercettazioni. Le ipotesi di Panorama non corrispondono al tenore delle telefonate. Abbiamo subito avuto l’impressione di una manovra contro il Quirinale e contro le altre istituzioni democratiche, a cominciare dalla magistratura. Quello che ha fatto Panorama è fuori dalla deontologia professionale e lontanissimo dall’etica dell’informazione che dovrebbe valere sempre, a maggior ragione in una materia così delicata. Ci vuole senso di responsabilità”.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia