Istat, prezzi alla produzione in aumento su luglio 2011: + 2,1% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, prezzi alla produzione in aumento su luglio 2011: + 2,1%

In una nota diffusa da Istat si legge che “nel mese di luglio 2012, l’indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali registra un aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente e del 2,1% rispetto a luglio 2011 (lo stesso tasso tendenziale registrato a giugno).ndice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali registra.
I prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno aumentano dello 0,4% rispetto a giugno e del 2,4% su base tendenziale. Al netto del comparto energetico si registra una variazione congiunturale dello 0,1% ed una tendenziale dello 0,6%.
I prezzi dei beni venduti sul mercato estero rimangono invariati sul mese precedente, sintesi di un calo dello 0,1% per l’area euro ed una variazione nulla per l’area non euro. In termini tendenziali si registra un incremento dello 0,9% (+0,6% per l’area euro e +1,2% per quella non euro).
Il contributo maggiore alla crescita tendenziale dell’indice dei prezzi dei beni venduti sul mercato interno proviene dai prodotti energetici (1,4 punti percentuali). Per il mercato estero i contributi più significativi derivano, per l’area euro, dai beni intermedi e dall’energia (per entrambi 0,2 punti percentuali), per quella non euro dai beni intermedi (0,4 punti percentuali).
Il settore di attività economica per il quale si rileva la crescita tendenziale dei prezzi più marcata è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, con un incremento del 5,6% sul mercato interno e del 6,2% su quello estero”.

 

Scrivi una replica

News

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, il governo di Netanyahu va avanti

I ministri israeliani, Naftali Bennet e Ayelet Shaked, hanno deciso di non dimettersi e daranno fiducia al cambiamento sulla sicurezza che il premier Benyamin Netanyahu…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia