Lavoro. Quanti sono gli inattivi? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro. Quanti sono gli inattivi?

Tra aprile e giugno 2012 il numero degli inattivi in età compresa tra 15 e 64 anni (dati grezzi) registra, per il quarto trimestre consecutivo, un ulteriore significativo calo su base annua (-4,9%, pari a -729.000 unità). La riduzione, diffusa a livello territoriale, è consistente nel Nord (-4,8%, – 268.000 unità) e soprattutto nel Mezzogiorno (-4,9%, pari a – 334.000 unità). In entrambi i casi interessa in misura più estesa le donne. Nel Centro il calo del numero degli inattivi è meno ampio nei valori assoluti (-127.000 unità), e anche in questo caso coinvolge soprattutto la componente femminile.
La discesa tendenziale del numero degli inattivi (15-64 anni) deriva dalla nuova forte riduzione della componente italiana (-809.000 unità), diffusa in tutte le classi di età, non compensata dall’ulteriore moderato aumento di quella straniera (+80.000 unità). Il calo della componente italiana riguarda sia gli uomini (-308.000 unità) sia, soprattutto, le donne (-501.000 unità), in particolare nel Nord e nel Mezzogiorno. La discesa del numero degli inattivi è sintesi di andamenti differenti per tipologia, con l’accrescimento dell’area dell’inattività più vicina al mercato del lavoro e la contestuale più forte discesa di quella più distante da esso. Infatti, all’aumento su base annua di quanti non hanno cercato lavoro ma sarebbero disponibili a lavorare (80.000 unità), e a quella degli individui che hanno cercato lavoro ma non sono disponibili a lavorare (53.000 unità), si associa l’aumento di quanti hanno cercato non attivamente un impiego e si dichiarano interessati a lavorare qualora se ne offrisse l’opportunità (44.000 unità). Per altro verso, si assiste alla notevole riduzione tendenziale di quanti non erano interessati a lavorare (-906.000 unità), che coinvolge in quattro ogni dieci casi gli individui tra 55 e 64 anni. Vi concorre presumibilmente l’impatto delle mancate uscite dall’occupazione delle persone di questa classe di età, in ragione dell’inasprimento dei requisiti anagrafici e contributivi per l’accesso alla pensione.
In base ai motivi della mancata ricerca del lavoro, alla crescita dello scoraggiamento (+15,3%, pari a 221.000 unità) e dei motivi non compresi tra quelli indicati (+6,5%, pari a 102.000 unità) si contrappone la marcata riduzione su base annua degli altri motivi. In particolare, emerge la consistente flessione dei motivi familiari (-8%, pari a -197.000 unità) e soprattutto il forte calo del numero delle persone non interessate a trovare un lavoro (-14,6%, pari a -675.000 unità).
Nel secondo trimestre 2012 il tasso di inattività della popolazione tra 15 e 64 anni (dati grezzi) si attesta al 36,1%, in riduzione di 1,8 punti percentuali rispetto a un anno prima. Il risultato deriva dalla più contenuta discesa tendenziale dell’indicatore per gli uomini (dal 27% al 25,8%) e dal più sostenuto calo rilevato per le donne (dal 48,6% al 46,3%).
Nel Nord l’indicatore scende dal 31,1% del secondo trimestre 2011 al 29,6%; nel Centro passa dal 33,7% al 32,1%; nel Mezzogiorno si riduce dal 48,8% al 46,6% del secondo trimestre 2012. In questa ripartizione, il risultato riflette la contemporanea riduzione del tasso d’inattività maschile (-1,7 punti percentuali) e, per il settimo consecutivo trimestre, di quello femminile (dal 63,2% del secondo trimestre 2011 al 60,4%).
Il tasso di inattività della popolazione straniera tra 15 e 64 anni sale dal 15,3% al 17,2% per gli uomini; per le donne l’indicatore scende dal 40,7% al 39,1%.
Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni scende dal 73,8% del secondo trimestre 2011 al 71,4%. Tra gli uomini il calo è diffuso soprattutto nel Mezzogiorno (dal 73,5% al 69%); tra le donne nel Centro (78,1% al 75,7%). La discesa del numero dei giovani inattivi è per circa quattro quinti spiegata dalla contrazione di quanti indicano lo studio (o la formazione professionale) come principale ragione della mancata partecipazione al mercato del lavoro.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia