Fini: “Non bisognerebbe candidarsi se condannati” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fini: “Non bisognerebbe candidarsi se condannati”

Nel corso di una trasmissione su Repubblica Tv il presidente della Camera, Gianfranco fini, ha detto: “I partiti potrebbero impegnarsi solennemente a dimostrare con i fatti, fermo restando che si è innocenti fino al terzo grado di giudizio, che non si è candidabili se si riceve un avviso di garanzia per mafia o si è condannati per reati legati all’amministrazione pubblica”.
“La Camera – ha poi detto – ha ridotto le proprie spese di 50 milioni ogni anno per tre anni. Sono stati aboliti i vitalizi ai parlamentari. Si è approvata una legge che prevede che i cosiddetti portaborse non sia più possibile pagarli in nero. Abbiamo ridotto le spese per beni e servizi del 9%. I finanziamenti dei gruppi sono stati dimezzati e si è deciso che il controllo dei bilanci sarà affidato a una societa esterna per la certificazione. Si può fare sempre di più e meglio, ma abbiamo iniziato.
Il governo Monti è intervenuto tempestivamente ieri per mettere un argine alla spesa incontrollata della politica nele regioni.
Uno dei problemi della politica è individuare un modo di selezione della classe dirigente. Questa è questione non solo italiana”.
Parlando della legge elettorale Fini si è detto “più ottimista. I partiti hanno ripreso l’iniziativa sulla legge elettorale. I partiti devono trovare un compromesso. E’ inevitabile un premio di maggioranza perché non possiamo permetterci una situazione di instabilità alla greca. Ametto di aver fatto un errore votando a suo tempo il Porcellum”.
“Mie responsabilità sul G8 di Genova non ci sono – ha ribadito -. Io mi recai a Genova il giorno dopo della morte di Giuliani per portare la mia solidarietà ai carabinieri.
Rimasi sei-sette ore in caserma perché erano in corso delle manifestazioni. Di quello che accadde alla Diaz lo ho appreso dai giornali. Non sono mai stato nella centrale operativa della Questura, come è stato scritto”.
Parlando poi di Napolitano ha detto: E’ stato il migliore presidente della Repubblica che l’Italia potesse avere nelle circostanze del suo settennato. Francamente mi sembra che lui stesso abbia dato la sua indisponibilità a proseguire”.

 

Scrivi una replica

News

Draghi: «Alzeremo i tassi in maniera paziente e graduale»

«Rimarremo pazienti nello scegliere le tempistiche del primo innalzamento dei tassi e utilizzeremo un approccio graduale per adeguare la politica successivamente». Lo ha detto il…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Def, Tria: «Bisogna continuare con il calo del debito»

«Il quadro macroeconomico tendenziale del Def prevede un deficit allo 0,8% del Pil nel 2019 e il pareggio di bilancio nel 2020, con il debito…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «L’Ue è inadeguata, serve una profonda riforma»

«La nostra azione in Europa deve essere volta verso una profonda riforma delle istituzioni economiche. È necessario che l’architettura economica che governa l’area valutaria comune…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «La Bce sarà paziente sul rialzo dei tassi»

«La Banca centrale europea rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria».…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia