Editoria. Torna “Il Giornale d’Italia” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Editoria. Torna “Il Giornale d’Italia”

Torna Il Giornale d’Italia, ma solo nell’edicola online. Testata storica fondata all’inizio del secolo scorso da Sidney Sonnino e Antonio Salandra, esponenti del partito liberale monarchico, chiusa nel 1976, ha riavviato le “rotative” sotto la direzione di Francesco Storace.
Oggi il giornale è l’organo politico de “La Destra”, ma la sua storia è intrecciata alle vicende itlaiane a doppio filo. Nel 1913 la testata era una delle più prestigiose del Paese, posizionandosi al quarto posto su scala nazionale per vendite, dopo il Corriere della Sera, Il Secolo e La Stampa. La diffusione media giornaliera si attestava sulle 130.000 copie, superando il concorrente La Tribuna e quasi doppiando Il Messaggero. Il Giornale d’Italia inventò la terza pagina, cioè introdusse su un quotidiano di attualità la cultura e un’intera pagina con la pubblicazione a puntate dei romanzi d’appendice, un’antesignana forma di coniugazione tra informazione ed intrattenimento, che ottenne una grandissimo favore nel pubblico.
Sotto l’era fascista divenne house organ del ministero degli Esteri, riportando le notizie delle battaglie del regime oltre frontiera. Passato dalla proprietà del ministero dell’Agricoltura alla vendita a Confindustria, in tempi più recenti, oggi è un vero e proprio quotidiano, ma edito solo in versione digitale. Al momento infatti la struttura e la mancata rotazione degli aggiornamenti ne fanno, più che un sito statico, un cartaceo adattato alla rete.
L’editoriale di apertura è firmato dal direttore Storace, che ribadisce l’appartenenza della testata agli uomini e ai valori di riferimento del partito, patria e famiglia e sceglie di raccontare come prima storia quella dei marò detenuti in India. Punta ad essere un quotidiano di denuncia e inchiesta sui mali della politica. Linguaggio colloquiale e molto diretto, spazio per economia, esteri, cronaca e sport.

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, ipotesi contratti a tempo determinato più cari

I contratti a tempo determinato potrebbero essere più cari. È quanto si apprende da ambienti vicini al dossier, l’ipotesi è per ottenere l’obiettivo di incentivare…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Kim Jong Un è un pazzo che verrà messo alla prova”

Il dittatore della Corea del Nord è “un pazzo”. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il giorno dopo aver…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran, Rohani: “Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente”

“Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente. Rafforzeremo le nostre capacità missilistiche”. Lo ha detto il presidente iraniano, Hassan Rohani, in un discorso trasmesso dalla…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico, sale a 286 il bilancio delle vittime

Sale a 286 il bilancio delle vittime del terremoto in Messico. Lo ha reso noto il responsabile della Protezione Civile messicana. 148 persone sono morte…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia