Padova, Schifani chiede chiarezza su bambino prelevato. La polizia apre indagine | T-Mag | il magazine di Tecnè

Padova, Schifani chiede chiarezza su bambino prelevato. La polizia apre indagine

Il caso del bambino di 10 anni prelevato a scuola dalla polizia di Padova, ripreso in un video diffuso mercoledì sera dalla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”, ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica e del mondo politico che ora chiede chiarimenti al riguardo.
Il presidente del Senato, Renato Schifani, ha chiesto tramite una nota “urgenti e tempestivi chiarimenti al capo della polizia Antonio Manganelli sul gravissimo episodio che ha visto, a Padova, trascinare con forza un bambino di 10 anni da personale della polizia di Stato fuori dalla scuola per essere condotto in una casa-famiglia”.
“I bambini – si legge ancora nel comunicato – hanno diritto ad essere ascoltati e rispettati e ogni provvedimento che li riguardi deve essere posto in essere con la prudenza e l’accortezza imposti dalla loro particolare situazione minorile. Comportamenti come quello al quale abbiamo tutti assistito, meritano immediati chiarimenti ed eventuali provvedimenti”.
Immediata la reazione del capo della Polizia, Antonio Manganelli, che ha disposto l’apertura di un’inchiesta interna.
Nel frattempo, il filmato integrale della Polizia è stato trasmesso all’autorità giudiziaria.
Il caso: il bambino ripreso nel video, ha 10 anni ed è figlio di genitori separati. Il Tribunale dei minori lo ha affidato al padre. Inoltre, la patria potestà della madre, ha spiegato il questore di Padova Vincenzo Montegnano, era scaduta da cinque anni e che questa era la quinta volta che il padre cercava di ottenere l’affidamento.
Sulla vicenda è intervenuto anche il Garante per la protezione dei dati personali, il quale ha invitato i media a non diffondere il video: “Di fronte al diffondersi in rete e nei media del video con le immagini del bambino prelevato a scuola dalle forze di polizia e di dati personali riguardanti anche la sua salute, pur se forniti dai familiari, richiama i media e i siti web al più rigoroso rispetto della riservatezza del minore e raccomanda loro di astenersi dal pubblicare e diffondere immagini del bambino e dettagli eccessivi che possano lederne la dignità”.

 

1 Commento per “Padova, Schifani chiede chiarezza su bambino prelevato. La polizia apre indagine”

  1. […] declino (anche) morale dell’Italia di Fabio GermaniLungi da noi apparire bacchettoni: la vicenda del bambino prelevato a forza da personale della Polizia nella scuola elementare dell’Alta Padovana è il tipico esempio di […]

Scrivi una replica

News

Migranti, Juncker a Conte: «L’Ue non ha competenza per determinare il porto sicuro»

«L’Italia invoca da tempo, e a ragione, una cooperazione regionale sugli sbarchi». Lo ha scritto il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, nella lettera inviata…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fraccaro: «Abolita tassa sulla raccolta firme per i referendum, iniziative popolari e petizioni»

«Ho deciso di abolire la “tassa sulla democrazia”. Ho voluto che il mio primo atto ufficiale da ministro fosse quello di cancellare l’imposta di bollo…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Di Maio: «Mai chieste le dimissioni del ministro Tria»

«Mai chieste assolutamente le dimissioni di Tria» da ministro dell’Economia. Lo ha detto il vice premier Luigi Di Maio, replicando a chi, tra i cronisti…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, al-Sarraj: «Contrari alla costruzione di campi d’accoglienza Ue in Libia»

La Libia è «assolutamente contraria» all’ipotesi Ue di costruire nel Paese campi di accoglienza per i migranti illegali che l’UE non intende ospitare. Lo ha…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia