Regione Lombardia, Formigoni: “Al momento non mi dimetto, è stato votato Formigoni” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Regione Lombardia, Formigoni: “Al momento non mi dimetto, è stato votato Formigoni”

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, intervenendo a La Telefonata, commentando l’arresto del suo assessore Domenico Zambetti per corruzione aggravata, ha detto: “Zambetti è uno spergiuro che ha tradito la fiducia di tutti noi. L’accusa sollevata contro Zambetti è di una gravità assoluta ed è inaccettabile.
Perché siamo in presenza di un politico che non solo ha tradito, è andato a comprare voti dalla ‘ndrangheta, ma ha tradito anche il proprio presidente e il proprio partito.
Di fronte a questo salto di qualità negativo io prenderò decisioni forti, nette, perché la ‘ndrangheta non deve avere accesso nelle istituzioni e non lo avrà”.
Parlando poi dell’incontro con i Consiglieri del Carroccio ha dichiarato: “La Lega deve decidere. Se si fanno da parte, saranno Formigoni e il Pdl a decidere il da farsi. E in questo caso andremo a elezioni, con una giunta guidata da Formigoni e con assessori completamente nuovi. Ovviamente, per tutto ciò avrà conseguenze in Veneto e Piemonte, dove le giunte regionali sono figlie delle stesso accordo politico. Questa è una posizione chiara da tempo ai leghisti, tant’è vero che ci sono parole chiarissime di Berlusconi e di Alfano. Se invece la Lega Nord intende continuare questo patto politico, decideremo insieme il da farsi”.
Ieri – ha aggiunto – il gruppo della Lega Nord mi ha detto che rassegna le proprie dimissioni. Perciò ho assunto le deleghe degli assessori leghisti dimissionari, e mi riservo nelle prossime ore di attribuire nuove deleghe.
Se la Lega Nord conferma che si è tirata fuori dai giochi, è chiaro che prenderò le mie decisioni e che si farà un rinnovamento completo della giunta oppure si andrà a elezioni”.
In conclusione ha assicurato: “Non mi dimetto, gli elettori hanno votato Formigoni”

 

Scrivi una replica

News

Spagna, Puigdemont: “Potrei essere arrestato prima del referendum”

Il presidente catalano, Carles Puigdemont, non esclude che potrà essere arrestato prima del referendum sull’indipendenza del 1° ottobre. “Il procuratore generale lo ha ipotizzato”, ha…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “La Spd vuole essere una forza di opposizione”

La SPD – il Partito socialdemocratico tedesco – vuole essere una forza di opposizione. Lo ha annunciato il leader della SPD, Martin Schulz, commentando i…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, a breve elezioni anticipate: il premier Abe scioglierà la Camera bassa

La camera bassa del Parlamento giapponese verrà sciolta dal premier Shinzo Abe. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando “un membro del Partito Liberal Democratico”.…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Washington introduce nuove misure restrittive sugli ingressi nel Paese

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Trump ha annunciato nuove misure restrittive sugli ingressi nel Paese. Le nuove misure riguardano otto Stati. L’elenco include Iran, Somalia, Libia,…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia