I numeri della povertà in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri della povertà in Italia

Lo Stato mostra una “evidente incapacità” nel contrastare le nuove forme di povertà. Questa, in sostanza, l’accusa contenuta nel Rapporto sulla povertà 2012 realizzato dalla Caritas e presentato in occasione della Giornata internazionale della lotta alla povertà.
Nell’ultimo triennio, si legge nel rapporto, il numero degli italiani che si sono rivolti ai centri Caritas è aumentato sensibilmente. Nello specifico, sono diverse le categorie dove si sono registrati gli aumenti più evidenti: casalinghe (+177,8%), anziani (+51,3%) e pensionati (+65,6%).
Ma cosa chiede chi, in evidente difficoltà, è costretto a rivolgersi ai centri Caritas? Al primo posto troviamo l’erogazione di beni e servizi materiali, al secondo posto i sussidi economici che, secondo i dati raccolti nel 2011, vengono richiesti molto più dagli italiani (20,4%) che dagli immigrati (7,4%). Questi ultimi, invece, chiedono o un’occupazione (17% contro l’8,9% degli italiani) o di essere orientati nel mondo del Lavoro (13,4% contro il 3,6%).
A livello territoriale, la maggiore incidenza degli immigrati è superiore nel Centro e nel Nord del Paese. Nel Mezzogiorno, invece, risulta essere più bassa e questo, sottolinea chi ha steso il rapporto, a causa della presenza nel Meridione di un maggior numero di poveri italiani rispetto ad altre zone del Paese.
In sostanza, il numero degli stranieri che chiedono assistenza ai centri Caritas è più alto di quello degli italiani, con i primi che rappresentato il 70,7% del totale e i secondi il 28,9%. Tuttavia, leggendo i dati più o meno recenti, si capisce come sia in aumento il numero dei nostri connazionali costretti a rivolgersi ai centri Caritas. Infatti solo due anni fa, era il 2009, gli italiani rappresentavano il 23,1%.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia