I danni che possono provocare i cellulari | T-Mag | il magazine di Tecnè

I danni che possono provocare i cellulari

di Mirko Spadoni

E’ una sentenza che molto probabilmente sarà destinata ad avere conseguenze rilevanti, quella della Corte di Cassazione che ha riconosciuto il nesso tra l’uso reiterato del telefono cellulare e il tumore benigno al cervello che ha colpito un 60enne di Carpenedolo.
Il 12 ottobre scorso, infatti, Innocente Marcolini, ex dirigente d’azienda, al quale undici anni fa venne diagnosticato un cancro al trigemio sinistro, si è visto riconoscere dai giudici il legame che c’era tra la sua malattia e l’uso costante del cellulare e del cordless.
“Ero sempre al telefono, o meglio al cellulare e al cordless: facevo telefonate continue, almeno cinque o sei ore al giorno. Sempre con il cellulare attaccato all’orecchio”, ha raccontato Marcolini in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. La sua, quindi, secondo i giudici può essere considerata a tutti gli effetti una malattia professionale, perché causata da uno strumento usato sul posto di lavoro.
La sentenza, dicevamo, molto probabilmente avrà effetti rilevanti. Uno, nell’immediato e che tocca personalmente Marcolini: l’Inail ora gli dovrà versare una pensione per una invalidità all’80 per cento.
L’altra, invece, potrà avere effetti un po’ più vasti e riguardare tutti noi.
La sentenza seguita al caso di Innocente Marcolini infatti non ha precedenti, almeno nel nostro Paese. E’ la prima volta in cui in Italia anche la legge riconosce un nesso tra l’uso frequente del telefonino o del cordless e l’insorgere di particolari patologie.
Ma i giudici, chiamati a pronunciarsi su questo caso specifico, non sono gli unici a credere che un uso eccessivo del cellulare possa avere effetti negativi sulla nostra salute.
Nel maggio del 2011, la World Health Organization ha riconosciuto che le gli effetti sul nostro organismo derivanti dall’esposizione dello stesso alle onde dei dispositivi telefonici mobili potrebbero essere di entità non trascurabile. A questa ammissione, la World Health Organization ha accompagnato un invito: usate il cellulare con cautela, ricorrendo all’utilizzo degli auricolari, ad esempio.
A sostegno di questa tesi, c’è anche uno studio condotto da alcuni ricercatori del reparto di oncologia dell’Università svedese di Örebro. Lo studio, basato sulle osservazioni svoltesi per diversi anni su pazienti affetti da glioma (o deceduti a causa di questo), sosteneva che l’uso di telefoni cellulari e cordless poteva aumentare le possibilità di contrarre la malattia in questione.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia