Contraffazione, senza si avrebbero 110 mila posti di lavoro in più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Contraffazione, senza si avrebbero 110 mila posti di lavoro in più

Il mercato del falso è sempre più una minaccia per l’economia italiana, basta pensare che nel nostro Paese vale ben 6,9 miliardi di euro. Se i prodotti contraffatti fossero venduti sul mercato legale si avrebbero circa 13,7 miliardi di euro di produzione aggiuntiva, per un valore aggiunto di 5,5 miliardi di euro.
I settori più colpiti dalla contraffazione sono quello dell’abbigliamento e degli accessori, che fruttano al mercato nero circa 2,5 miliardi di euro. A seguire troviamo il settore dei cd, dvd, e software con un fatturato di circa 1,8 miliardi. Troviamo in coda il settore alimentare con 1,1 miliardi di euro.
I numeri emergono dall’ultimo rapporto del Censis dedicato all’impatto della contraffazione sul sistema-Paese, un impatto che oltre a creare un calo delle risorse economiche del Paese, se assorbito dal mercato legale genererebbe circa 110 mila posti di lavoro in più.
“Il mercato dei prodotti contraffatti genera un mancato gettito fiscale di 1,7 miliardi di euro – si legge nell’indagine -. Riportare sul mercato legale la produzione dei beni contraffatti significherebbe anche avere un gettito aggiuntivo per imposte dirette e indirette (compresa la produzione indotta) di 4,6 miliardi di euro”.
Bisogna fare attenzione anche al tipo di contraffazione. Perché creare un falso non vuol dire solo copiare il marchio, ma vuol dire copiare anche il design di quel marchio. Quest’ultimo è un fenomeno che colpisce soprattutto il prodotti di pelletteria, oggetti di arredamento e di illuminazione.
Altra illegalità diffusa è quella legata all’abusivismo del marchio “made in Italy” e di indicazioni, Doc, Dop, Igp, eccetera, che colpiscono il comparto alimentare.
Per quanto riguarda il settore dei cosmetici, molto diffusa è la pratica dell’importazione parallela: la commercializzazione in Italia, attraverso canali non ufficiali, di prodotti destinati all’estero.
A far attivare il campanello d’allarme è il fatto che se il mercato del falso è in crescita è soprattutto grazie alla domanda sempre maggiore da parte del consumatore, che non non pensa all’illegalità del comprare tali prodotti, ma all’affare fatto nel comprare una scarpa, un cd, uno smartphone o anche un profumo a meno della metà del prezzo originale.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia