Legge stabilità, le proteste degli insegnanti contro aumento orario lavorativo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Legge stabilità, le proteste degli insegnanti contro aumento orario lavorativo

E’ iniziata la mobilitazione di professori e insegnati che protestano contro la proposta del governo di aumentare l’orario lavorativo. Secondo le intenzioni dell’esecutivo, i docenti dovrebbero prolungare l’orario di lavoro di sei ore alla settimana. La proposta, contenuta nella Legge di stabilità, prevede che in cambio gli insegnanti non ricevano un compenso superiore a quello attuale, ma quindici giorni di ferie in più nel mese di luglio, quando per la verità le scuole sono chiuse.
I primi a “muoversi”, sono stati alcuni professori e insegnati di Roma che davanti al ministero dell’Istruzione a viale Trastevere hanno, con un flash, hanno corretto in strada i compiti dei propri studenti, per dimostrare che il lavoro dell’insegnante non si esaurisce nelle 18 ore di didattica frontale.
Pronti alla protesta anche i sindacati, i quali hanno annunciato uno sciopero generale per il 24 novembre prossimo.

 

Scrivi una replica

News

Germania, Schulz: “La Spd vuole essere una forza di opposizione”

La SPD – il Partito socialdemocratico tedesco – vuole essere una forza di opposizione. Lo ha annunciato il leader della SPD, Martin Schulz, commentando i…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, a breve elezioni anticipate: il premier Abe scioglierà la Camera bassa

La camera bassa del Parlamento giapponese verrà sciolta dal premier Shinzo Abe. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando “un membro del Partito Liberal Democratico”.…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Washington introduce nuove misure restrittive sugli ingressi nel Paese

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Trump ha annunciato nuove misure restrittive sugli ingressi nel Paese. Le nuove misure riguardano otto Stati. L’elenco include Iran, Somalia, Libia,…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Ue: “Il tempo stringe, dobbiamo trovare un accordo”

Nella trattativa sulla Brexit, “dobbiamo veramente andare avanti adesso”. Lo ha detto il vice ministro degli Affari europei estone, Matti Maasikas – l’Estonia ha la…

25 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia