Spending review. Come cambiano le province | T-Mag | il magazine di Tecnè

Spending review. Come cambiano le province

In sostanza è accaduto ciò che gli enti locali temevano e il ministro della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, è stato chiaro al riguardo: “Non possiamo pensare che una riforma importante come questa possa venir meno solo per delle resistenza localistiche”. Al primo Consiglio dei ministri di novembre verrà presentato il decreto legge riguardante il riordino delle province.
Non molte settimane fa avevamo accennato alle difficoltà riscontrate, da parte dei Comitati per le autonomie locali e delle Regioni, nella ricollocazione territoriale delle nuove aree secondo i criteri stabiliti dal governo (dimensione territoriale non inferiore a 2.500 chilometri quadrati e una popolazione residente di almeno 350 mila abitanti). Secondo le prime indiscrezione che emergono in queste ore le Province scenderanno, a causa degli accorpamenti in programma, da 86 a 50, comprese le dieci Città metropolitane (tenuto conto delle Regioni a Statuto ordinario).
Questa sarà, con ogni probabilità, la ripartizione provinciale regione per regione (fonte Asca):

Piemonte. Torino (Città metropolitana); Cuneo; Alessandria e Asti; Vercelli si unisce con Biella e Verbano/Cusio e Novara (4).
Lombardia. Milano (Città metropolitana); Brescia; Bergamo; Pavia; Como, Varese, Monza Brianza; Lodi, Mantovano e Cremona; Sondrio e Lecco (7).
Veneto. Venezia (Città metropolitana); Vicenza; Verona; Rovigo e Padova; Belluno e Treviso (5).
Liguria. Genova (Città metropolitana); La Spezia; Savona e Imperia (3).
Emilia Romagna. Bologna (Città metropolitana); Modena e Reggio Emilia; Parma e Piacenza; Ferrara; Ravenna, Forlì/Cesena e Rimini (5).
Toscana. Firenze (Città metropolitana); Grosseto, Siena e Arezzo; Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato; Pisa e Livorno (4).
Umbria. Perugia e Terni (1).
Marche. Ancona; Pesaro e Urbino; Ascoli Piceno, Macerata e Fermo (3).
Lazio. Roma (Città metropolitana); Frosinone e Latina; Rieti e Viterbo (3).
Abruzzo. L’Aquila e Teramo; Pescara e Chieti (2).
Molise. Campobasso e Isernia (1).
Campania. Napoli (Città metropolitana); Salerno; Caserta; Avellino e Benevento (4).
Basilicata. Potenza e Matera (1).
Puglia. Bari (Città metropolitana); Lecce; Foggia, Barletta/Andria/Trani; Taranto e Brindisi (4).
Calabria. Cosenza, Crotone; Reggio Calabria (Citta’ metropolitana); Catanzaro e Vibo Valentia (3).

Non sono previste modifiche in Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e in Sicilia – in riferimento alle Regioni a Statuto speciale – mentre in Friuli Venezia Giulia, che pure non vedrà particolari stravolgimenti, le province assumeranno un ruolo prettamente consultivo. In Sardegna, invece, è previsto un referendum per il taglio delle province che dovrebbero passare da otto a quattro.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump: «Ho fiducia nelle agenzia di intelligence americane»

«Ho fiducia nelle agenzie di intelligence americane». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervenendo nel corso di un’intervista rilasciata alla Cbs.…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

A maggio indice della produzione delle costruzioni invariato su base annua

«A maggio 2018 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni diminuisca dello 0,2% rispetto al mese precedente». Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Strage di via D’Amelio, Mattarella: «Non smettere di cercare la verità»

«Onorare la memoria del giudice Borsellino e delle persone che lo scortavano significa anche non smettere di cercare la verità su quella strage». Così il…

19 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Dignità, Di Maio: «Confindustria fa terrorismo psicologico»

«Confindustria oggi dice che con il Decreto Dignità ci saranno meno posti di lavoro. Sono gli stessi che gridavano alla catastrofe se avesse vinto il…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia