Donne nelle istituzioni, anche il Parlamento europeo si esprime | T-Mag | il magazine di Tecnè

Donne nelle istituzioni, anche il Parlamento europeo si esprime

di Mirko Spadoni

Il board della Bce continuerà a non essere completo. Il Parlamento europeo ha infatti bocciato la candidatura del governatore della Banca centrale lussemburghese, Yves Mersch. Una bocciatura che però non è dovuta alle caratteristiche del candidato, tra l’altro suggerito dal presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker. I 325 pareri contrari espressi dal Parlamento europeo hanno infatti una motivazione differente: l’assenza di donne nel board dell’Eurotower. Dunque si è trattato di un voto di protesta, affinché il posto occupato fino al 31 maggio scorso dallo spagnolo Gonzalez Paramo venga assegnato ad una donna. Così che, come ha più volte chiesto il Parlamento europeo, l’equilibrio di genere venga rispettato nel board della Bce.
Ma il problema delle quote rosa e la scarsa rappresentanza di sesso femminile nel mondo delle istituzioni, non riguarda solo l’Eurotower. Riguarda le istituzioni a tutti i livelli, in Italia molto più che nelle altre parti di Europa.
Infatti, secondo il rapporto Una ricognizione storica e critica, presentato lo scorso anno e redatto da Lorella Cedroni, professoressa di Filosofia Politica all’Università La Sapienza di Roma, e Marina Calloni della Bicocca di Milano, l’Italia occupa il 54esimo posto su un campione di 188 Paesi per rappresentanza femminile in Parlamento. E tra i Paesi dell’Unione a 27 è addirittura quart’ultima.
Ma nel nostro Paese il gap di genere è un problema ancora più ampio: in Italia le donne hanno più difficoltà ad accedere nel mondo dellLavoro rispetto agli uomini. Anche una volta trovata un’occupazione, continuano a subire un trattamento diverso rispetto ai colleghi di sesso maschile, percependo stipendi più bassi.
Una scarsa rappresentanza femminile nel mondo delle istituzioni, dicevamo. Dovuta anche ad un certo tipo di mentalità che sembra caratterizzare gli italiani, poco inclini a vedere le donne nelle cosidette “stanze del potere”.
Secondo una ricerca condotta qualche tempo fa dall’istituto Tecnè, infatti, il 40% degli intervistati ritiene che sia meglio un uomo nelle vesti di presidente della Repubblica (contro il 16% che al Quirinale vedrebbe bene una donna), il 31% predilige la figura maschile anche a Palazzo Chigi (al 17% invece non dispiacerebbe avere una premier donna). È importante rilevare, tuttavia, che rispettivamente per il 43 e il 50% è indifferente chi sia a capo del governo e dello Stato, se un uomo o una donna.

 

Scrivi una replica

News

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopo guerra, in calo del 25%

La vendemmia del 2017 sarà fra le più scarse del dopoguerra, con un calo del 25% rispetto al 2015. Mentre l’export vinicolo aumenta del 6,3%.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia