Women for Obama | T-Mag | il magazine di Tecnè

Women for Obama

Beyoncé, Eva Longoria, Natalie Portman, Susan Sarandon, Elizabeth Blanks, Jennifer Lopez. Sono alcune delle donne “famose” che sostengono la causa Women for Obama. I sondaggi hanno sempre rilevato una consistente presa dell’attuale inquilino della Casa Bianca sull’elettorato femminile e non è dunque un caso se anche Romney nelle ultime settimane ha tentato di corteggiarle, cercando così di strappare consensi al presidente. Il tema dell’aborto è uno degli argomenti che ha principalmente contrapposto Obama a Romney. Secondo il presidente la donna deve essere libera di poter scegliere se interrompere o meno una gravidanza, al fine di salvaguardare la propria salute. A tale proposito, recentemente Obama ha cercato di sfruttare la polemica sorta in seguito alle dichiarazioni di Richard Mourdock, candidato repubblicano al senato dell’Indiana secondo il quale l’aborto è una pratica da scongiurare anche in caso di stupro. Tuttavia i sondaggi relativi all’elettorato femminile hanno rilevato un recupero da parte dello sfidante, sebbene Obama mantenga ancora un leggero vantaggio.

C’è sempre l’eccezione che conferma la regola. Un gruppo di donne storicamente repubblicane si sono schierate a favore di Obama (questo spot risale ad agosto) nella convinzione che Romney e Ryan non siano i migliori candidati per loro.

La famosa cantante r’n’b Beyoncé Knowles in questo video ringrazia la First Lady Michelle per essere un modello per le donne di tutto il mondo. Insieme al marito, il rapper e produttore Jay-Z, la cantante è stata tra i personaggi più attivi a sostegno della campagna elettorale di Barack Obama.

Nel 2008 la comunità latina fu fondamentale per l’elezione di Obama. Nelle ultime ore il presidente ha diffuso un messaggio per convincere gli ispanici a votare per lui. E altrettanto fa Jennifer Lopez, in questo appello indirizzato ai latinos.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Terrorismo, i curdi siriani: «Istituire un tribunale internazionale per i miliziani dell’Isis»

Istituire un “tribunale internazionale” per processare i presunti miliziani dello Stato islamico, attualmente detenuti nelle carceri curde, nel nord-est della Siria. A chiederlo formalmente sono…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: «Pronti a entrare a Gaza»

IHamas deve sapere che «non esiteremo a entrare» nella Striscia di Gaza. A dirlo è stato il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, intervenendo mentre lasciava gli…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Venezuela, nuovo blackout: scuole chiuse per 24 ore

In seguito al nuovo blackout che ha colpito la città di Caracas e almeno 15 stati venezuelani, il governo del Venezuela ha ordinato la sospensione…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Merkel a Xi Jinping: «Più reciprocità su Via della Seta»

«Più reciprocità», è la richiesta che la cancelliera tedesca ha fatto al presidente cinese Xi Jinping, in occasione del vertice all’Eliseo, dove erano presenti anche…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia