A Roma si può cambiare aria | T-Mag | il magazine di Tecnè

A Roma si può cambiare aria

di Salvatore Monni e Andrea Ferraretto

bicicletta_ariaIdee nuove e buone istituzioni che siano in grado di filtrarle consentendo così alle buone idee di divenire anche buone politiche. Questa è la grande sfida che oggi si trova davanti a sé Ignazio Marino. Una sfida difficile ma al tempo stesso entusiasmante. Al centro di questa sfida Roma, una città con un incredibile bisogno di cambiamento, soprattutto se riferito ai temi dell’innovazione e della sostenibilità ambientale. Tra le buone idee, presenti con grande evidenza nel programma elettorale, energia e qualità dell’aria devono rappresentare punti centrali della prossima agenda di governo della città, proprio perché una priorità che rappresenta un simbolo del cambiamento. Cambiare aria, e non solo in senso metaforico, a Roma più che in altre città, implica, anche e soprattutto, innovare le idee e cambiare paradigma, potenziando il trasporto pubblico, ridisegnando l’uso della città, degli spazi e dell’organizzazione della vista sociale ed economica. L’allarme per le polveri sottili, il PM10, e i conseguenti blocchi del traffico o le targhe alterne non possono essere la normalità: Roma può pensare di trasformarsi in una Smart City se si dimostrerà capace di affrontare il problema con una serie di azioni che non possono più essere soltanto episodiche e frammentarie.
Per tutte queste ragioni il tema dell’energia deve diventare il cardine attorno al quale far ruotare le strategie di sviluppo e di innovazione della città, coinvolgendo cittadini e imprese, dando slancio alla capacità di creare innovazione tecnologica, grazie alla presenza di Università e di centri di ricerca, superando una logica settoriale che porta a vedere i problemi non correlati tra loro, perseguendo una visione che porta l’ambiente a essere un problema piuttosto che un’opportunità.
Serve innestare un cambiamento forte, capace di innovare e trasformare gli strumenti di governo della città, con l’avvio di un Piano di azione per la qualità dell’Aria, con l’individuazione di priorità a breve e a lungo periodo: un’esigenza che non può essere trascurata proprio perché consentirebbe, a Roma, di collocarsi tra le città europee che sono impegnate nel costruire il futuro con progetti e investimenti che sono legati all’idea stessa di sviluppo sostenibile indicato dalla strategia Europa 2020.
Il 2013 è stato indicato come Anno europeo dell’Aria in vista della definizione della Strategia europea, prevista per il prossimo anno: le città dovranno svolgere un ruolo importante, programmando interventi capaci di affrontare il tema dell’inquinamento, delle emissioni in atmosfera e dei riflessi che questi temi hanno sulla capacità di investire risorse per innovare e rendere competitive le aree urbane. Questo perché si riconosce il costo del non fare, considerando i danni alla salute dei cittadini e il ritardo nel cogliere le opportunità del cambiamento.
Obiettivo ultimo delle politiche deve essere l’individuo e non il prodotto. Non che quest’ultimo non sia importante ma dobbiamo ricondurlo al suo vero ruolo: strumento per migliorare il benessere degli individui. In una città dove l’individuo è l’obiettivo delle politiche risulta centrale investire nell’economia verde, nelle fonti rinnovabili come nella mobilità sostenibile per uscire da un’idea di città legata solo al prodotto fine a se stesso, per uscire da un’idea di città legata solo al grigio del cemento e dell’asfalto: questo il senso della sfida che Roma deve essere in grado di mettere in campo oggi, nel 2013, per costruire il futuro di una città innovativa, inclusiva e sostenibile.

 

1 Commento per “A Roma si può cambiare aria”

  1. Giovanni panfili

    Molto vero, ragione per cui ho scritto, mi hai letto e indirizzato un invito… A fare cosa?
    Genericamente parlare serve a niente a quasi, i fatti sono inviti a riunoni, planning, valutazioni (anche errate possono servire) ma non basta un articolo su una rivista. Se interessa il mio supporto mi aspetto qualcosa di più
    Ciao e grazie

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia