Il censimento delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il censimento delle imprese

imprese_fatturatoTra il 2001 e il 2011 il sistema delle imprese italiane “ha mantenuto una connotazione fortemente incentrata sulla piccola dimensione aziendale”, “familiare” e che sfruttano “appieno” le potenzialità offerte da internet. Questo è quanto si apprende dalla lettura del nono Censimento generale dell’Industria e dei Servizi condotto dall’Istat. Nel 2011 risultavano attive circa 4,4 milioni di imprese, con 16,4 milioni di addetti. In crescita rispetto a quanto rilevato nel 2001: nel corso di dieci anni, è stato registrato un aumento di 340 mila imprese (+8,4%) e di circa 700 mila addetti (+4,5%).
Ad una crescita media nazionale del 4,5% del numero degli occupati, corrisponde una crescita maggiore nelle Isole (+12,7%), nel Sud (+9,8%) e nel Centro (+7,2%). Il Nord-est presenta una crescita decisamente minore rispetto alla media nazionale (+4%), mentre il Nord-ovest registra “una lieve flessione occupazionale” pari allo 0,1%. Permane “la connotazione familiare” delle imprese italiane, connotazione che “coinvolge l’intero sistema”. Stando ai dati raccolti dall’Istat, nel 94,8% delle imprese, che impiegano dai tre ai nove addetti (le cosiddette “microimprese”), il socio principale è una persona fisica nel 94,8%, nell’83,9% delle “piccole imprese” (10-49 addetti), nel 54,2% delle “medie” (50-249 addetti). Resta elevata (25,3%) anche nelle grandi (250 addetti e oltre).
“Il titolo di studio prevalente tra gli imprenditori – rileva nel suo censimento l’Istat – è il diploma di scuola media superiore (44%) seguito dalla licenza media (34%); la quota di persone con studi universitari (laurea e post laurea, 14,8%) è comunque superiore a quella dei meno istruiti (con nessun titolo di studio o licenza elementare, 7,2%)”.
Le microimprese, rileva l’Istat, non sfruttano “appieno” l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. E così il 77% delle imprese tra i tre e nove addetti dispone di una connessione internet. Il 65,7% utilizza un collegamento in banda larga ed il 16,5% una connessione mobile. L’utilizzo di internet risulta poco diffuso tra le imprese italiane, molte delle quali (il 42,2%) lo reputa “non necessario o inutile per l’attività che svolge”. Le microimprese utilizzano internet soprattutto per i servizi bancari e finanziari (62,8%) o per ottenere informazioni (42,1%), ma anche per svolgere procedure amministrative interamente per via elettronica (26,9%). Discorso leggermente diverso per il commercio elettronico, utilizzato dal 25,1% delle micro imprese. “L’opportunità di vendere on line è sfruttata soltanto dal 5,1%, mentre il 23,4% acquista sul web”.
Al termine dell’indagine, l’Istat è riuscita nel dividere in cinque diversi gruppi le imprese italiane: le “conservatrici”, le “dinamiche tascabili”, le “aperte”, le “innovative”, “internazionalizzate spinte”.
Le “conservatrici” sono il gruppo più numeroso (quasi il 64% delle imprese) con 670 mila unità, con un’occupazione di quasi sei milioni di addetti. “Relativamente più presenti nei servizi diversi dal commercio e delle costruzioni”. Le “conservatrici” hanno un profilo strategico semplice (poche strategie e per lo più difensive), con bassa propensione all’innovazione (innova circa il 20% delle imprese) e sono rivolte soprattutto ai mercati locali (circa il 67%).
Le “dinamiche tascabili” rappresentano poco meno del 20% delle imprese (circa 205 mila unità, con 2,6 milioni di addetti), con un profilo settoriale simile a quello medio e una dimensione di poco inferiore ai 13 addetti per impresa. Pur essendo ancora “prevalentemente” legate al mercato locale, hanno un profilo strategico articolato che punta molto su diversificazione produttiva e nuovi prodotti, esprimono un’elevata propensione innovativa (52%).
Le “aperte” sono “poco più del 7%” delle imprese (con 75 mila unità e 1,7 milioni di addetti e una dimensione media di 22,9 addetti per impresa). Le “aperte” sono caratterizzate da una presenza piuttosto elevata di imprese industriali (il 42,7%), da un’elevata internazionalizzazione (quasi il 70% opera sul mercato estero), dall’apertura verso nuovi mercati (circa una su due) e dalla capacità di attivare relazioni con altre imprese (100%), e da una forte propensione innovativa (59,1%). In questo raggruppamento sono molto presenti imprese del Nord-ovest (il 38,1%) e del Nord-est (28,5%).
Ci sono poi le “innovative” (74 mila imprese, ovvero il 7%) che impiegano 1,5 milioni di addetti e mostrano una dimensione media di 19,8 addetti per impresa. “Queste imprese – rileva l’Istat -hanno un forte orientamento al mercato domestico, alla competitività di prezzo e alla qualità del prodotto”. Infine, le “internazionalizzate spinte”, che rappresentano “solo” il 2,6% delle imprese (27mila unità) e impiegano 1,1 milioni di addetti, per una dimensione media di 39,5 addetti.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia