Italiani pessimisti per colpa della crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italiani pessimisti per colpa della crisi

L'outlook economico di Tecnè per TGCOM24

spesa_consumi_famiglieIl 94% degli italiani giudica negativamente l’attuale situazione economica dell’Italia, mentre il 38% ritiene che possa migliorare fra dodici mesi. Questo è quanto emerge dal monitor economico di Tecnè per TGCOM24. Dunque peggiora – rispetto alla media delle ultime quattro rilevazioni – il clima sociale nel Paese, dove solo il 6% ha espresso un parere positivo sulla situazione economica attuale e il 38% prevede tra dodici mesi sarà migliorata. La situazione non cambia nel momento in cui viene chiesto agli intervistati di giudicare la situazione economica della propria famiglia: il 95% ha espresso un parere negativo, il restante 5% positivo. Ma come sarà la situazione fra 12 mesi? Per il 71% sarà peggiore, migliore per il 29%. Nel Paese serpeggia quindi un clima di generale sfiducia nel futuro e di fronte alle crescenti difficoltà economiche, buona parte degli italiani (l’82%) ha deciso di – o sono stati costretti a – ridurre la quantità o ad acquistare prodotti di qualità inferiore. Mentre solo il 18% è riuscito ad comprare “tutto quello di cui aveva bisogno”. Il 55% (ovvero l’8% in più rispetto a dodici mesi fa) ha ridotto le spese per l’acquisto di prodotti tecnologici. L’87% (+13%) ha ridotto le spese dedicate al tempo libero, ristoranti, palestra e cinema. Aumenta anche la percentuale (+7%) di chi ha deciso di ridurre le spese per la salute (analisi cliniche, dentista, visite specialistiche ecc.), attualmente a quota 41%, e di chi ha ridotto le spese per la cultura, la formazione e lo studio, ora al 34% (+5% rispetto a dodici mesi fa). Il monitor economico certifica inoltre che molti italiani hanno ridotto, rispetto a dodici mesi fa, la quantità di molti alimenti acquistati settimanalmente. Il 39% (+8%) ha dichiarato di aver rinunciato al pesce, il 38% (+8%) agli insaccati e stagionati e il 31% (+8%) alla carne. Inferiore la percentuale degli italiani che ha ammesso di aver rinunciato alla pasta (il 12%), al latte (12%) e al pane (11%). In aumento per tutti e tre i casi del 5%. Nonostante tutto questo, una volta affrontata la spesa settimanale, il 32% degli intervistati ha dichiarato di aver utilizzato i risparmi, il 54% è riuscito a mantenere le entrate e le uscite in equilibrio. Solo il 14% è riuscito a risparmiare.

Il sondaggio è stato effettuato il 7 gennaio 2014 con metodo Cati su un campione probabilistico articolato per sesso, età, area geografica, ampiezza centri con ponderazione all’universo sociodemografico composto da 1.000 intervistati. Margine d’errore +/- 3,1%.

Sfoglia in pdf il monitor socioeconomico di Tecnè

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump torna a criticare la Fed: «Abbiamo chance di creare ricchezza e successo per Usa, non la rovini»

L’economia americana gode di ottima salute, eppure il presidente statunitense Donald Trump non ha mancato di criticare via Twitter l’operato della Fed, rea a suo…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Autonomia, Conte: «Avanti con le garanzie che ho sempre richiesto»

«Il disegno dell’Autonomia differenziata si sta realizzando con le garanzie che ho sempre richiesto, di realizzare un progetto previsto dalla Costituzione, ma senza che questo…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Grecia: scossa di magnitudo 5,3 ad Atene

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita oggi nella capitale della Grecia, Atene, e in tutta l’Attica. La magnitudo è stata stimata a 5,3.…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cigl: «I 40enni di oggi con un lavoro saltuario andranno in pensione dopo i 73 anni»

«I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia