Poche imprese hanno recuperato i crediti con Pa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Poche imprese hanno recuperato i crediti con Pa

soldi-euroÈ ancora molto bassa la quota delle imprese che ha recuperato in misura “consistente” i crediti arretrati con la Pubblica Amministrazione. Nella seconda parte del 2013, si è infatti attestata a quota 11% (il 16,8% nei servizi e il 5,4 nell’industria). Resta invece ancora alta, la percentuale (il 35%) delle imprese che nel complesso ha dichiarato di avere crediti arretrati. Questo è quanto emerge da un’indagine realizzata da Bankitalia in collaborazione con il quotidiano Il Sole 24 Ore. Leggendo i dati raccolti, emerge anche la destinazione prevalente dei fondi recuperati: il 6,7% delle imprese ha ammesso di aver utilizzato i fondi per il finanziamento di nuovi investimenti, circa il 30 per la riduzione delle passività verso fornitori e dipendenti, il 41,5 per la riduzione dell’indebitamento bancario.
Il 32,3% delle imprese ritiene di aver superato a partire dai mesi estivi la fase più difficile della crisi economica (il 31,8 nell’industria e il 32,7 nei servizi). Si evidenzia così un miglioramento del clima di fiducia delle imprese nel futuro: a settembre la percentuale era molto più bassa, attestandosi a quota 28,5.
Circa le aspettative di crescita nei prossimi mesi, il 33,3% delle imprese (il 35,7% nell’industria e il 30,7 nei servizi) attende miglioramento dei propri ritmi produttivi. Un piccolissimo inciso: i giudizi favorevoli sono diffusi in misura maggiore tra le imprese più attive sui mercati esteri. Restano “orientate al pessimismo”, le aspettative per quanto concerne le attese sulla dinamica dell’occupazione a breve termine (a novembre, secondo i dati Istat, gli occupati risultano in tutto 22 milioni e 292mila, lo 0,2% in meno rispetto a ottobre (-55mila) e il 2% in meno su base annua, con una perdita di 448mila unità).
La quota di imprese che stimano un aumento del numero di addetti nei prossimi tre mesi è di poco inferiore al 10%; quella delle aziende che ne prefigurano una riduzione si è mantenuta su livelli poco superiori al 23%. Pessimiste anche le imprese operanti nel comparto delle costruzioni: il saldo negativo fra giudizi di miglioramento e di peggioramento si è attestato al -45,7%, dal -34,9% dell’inchiesta precedente. Mentre la probabilità assegnata a uno scenario più favorevole nei prossimi tre mesi è rimasta pressoché invariata, ovvero pari al 9,6%.
Quindi resta ancora molto da fare. Ed è fondamentale riuscirci. Il motivo? Se portata a termine, la liquidazione dei crediti delle imprese da parte della Pubblica amministrazione potrebbe – secondo le stime del Centro Studi di Confindustria diffusi qualche mese fa – portare a una creazione, in 5 anni, di 250 mila nuovi occupati e a una crescita del Pil dell’1% per i primi tre anni, fino ad arrivare al +1,5% nel 2018.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia