Parlamento europeo: “Al via valutazione sul lavoro svolto dalla Troika” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Parlamento europeo: “Al via valutazione sul lavoro svolto dalla Troika”

I salvataggi dei paesi della zona euro sono legati a delle condizioni rigorose imposte dai rappresentanti dei creditori internazionali – Commissione europea, BCE e FMI – la cosiddetta Troika. Poiché sono stati espressi dei dubbi in merito ai metodi di lavoro della Troika, il Parlamento ha avviato un’indagine sulla questione. I primi passi dell’inchiesta hanno visto una serie di visite nei paesi che hanno ricevuto assistenza finanziaria e alcune audizioni di alto livello.
L’analisi del lavoro della Troika è portato avanti dalla commissione per i Problemi economici e monetari (ECON). Due relatori sono a capo dell’iniziativa: il socialista francese, Liem Hoang Ngoc, e l’europarlamentare austriaco del centro-destra, Othmar Karas.
Durante la prima e seconda settimana di gennaio una delegazione della commissione ECON ha visitato Cipro e il Portogallo. Più tardi questo mese, la stessa delegazione si recherà in Irlanda e in Grecia. Queste visite prevedono degli incontri di alto livello con ministri e rappresentanti della società civile.
Il vicepresidente del Parlamento Karas ha insistito sulla legittimità democratica delle decisioni prese nel quadro dei programmi di aiuto. “Il Parlamento europeo deve co-decidere sulle decisioni comuni europee. Non è sufficiente dire, i governi nazionali sono democraticamente legittimati ed è per questo che non abbiamo bisogno più bisogno del Parlamento europeo. Ciò significherebbe mettere gli orologi indietro di decenni”, ha aggiunto Karas.
“Questa inchiesta è stata istituita per fornire risposte a tutti coloro la cui vita è stata influenzata dalla Troika. Da quando la Troika è intervenuta la prima volta in Grecia, vi è la necessità di valutare in modo trasparente e democratico se esso sia stato il metodo d’azione migliore”, ha detto Hoang Ngoc.
Per tutta la terza settimana di gennaio ECON organizzerà varie audizioni in cui i politici attuali ed ex della Troika prenderanno la parola. Tra gli altri interverranno: Olli Rehn, commissario agli affari economici e monetari, Jean-Claude Trichet, ex presidente della BCE, Klaus Regling, il direttore del Meccanismo europeo di stabilità.
La valutazione della Troika proseguirà durante i primi mesi dell’anno. La votazione in plenaria della relazione finale dovrebbe avvenire a marzo.
E quanto si legge in una nota diffusa martedì sera dall’Europarlamento.

 

Scrivi una replica

News

Jobs act, illegittima la norma sull’indennità al lavoratore ingiustificatamente licenziato

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti del Jobs Act nella parte in cui…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Di Maio: «Moscovici non venga a farci la morale»

Il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, che ha invitato l’Italia a mantenere il deficit sotto il 2%, «quando era ministro…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Sarà una manovra di crescita ma il debito deve scendere»

«Sarà una manovra di crescita, non di austerity, ma che non crea dubbi sulla sostenibilità del nostro debito, bisogna continuare nel percorso di riduzione del…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regina Paola di Belgio colpita da ictus

La regina Paola di Belgio è stata colpita da un ictus nel corso della notte di mercoledì 26 settembre, mentre si trovava a Venezia.…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia