Commercio estero, Istat: “A novembre import -6,9%, export -3,4% su anno” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero, Istat: “A novembre import -6,9%, export -3,4% su anno”

“Rispetto al mese precedente, a novembre 2013 si registra una diminuzione sia dell’export (-1,9%) sia dell’import (-2,2%)”. Lo rende noto, attraverso la diffusione di un comunicato, l’Istat. “La diminuzione congiunturale delle esportazioni è – si legge ancora nella nota – sintesi del forte calo verso i paesi dell’area extra Ue (-5,1%), attenuato dal contenuto aumento delle vendite verso i paesi dell’area Ue (+0,8%). Alla diminuzione dell’import contribuisce in misura maggiore la riduzione degli acquisti dai paesi extra Ue (-3,9%).
A novembre si registra una marcata flessione congiunturale sia all’export sia all’import di prodotti energetici (rispettivamente -8,1% e -5,3%). Anche al netto della componente energetica, tuttavia, il segnale congiunturale è negativo sia per l’export (-1,7%) sia per l’import (-1,5%).
Nel trimestre settembre-novembre 2013, rispetto al trimestre precedente, si rileva una diminuzione sia delle importazioni (-0,8%) sia, in misura più contenuta, delle esportazioni (-0,3%). La dinamica dell’export verso i paesi Ue risulta stazionaria. Rispetto allo stesso mese del 2012, a novembre 2013 si registra una rilevante diminuzione sia dell’import (-6,9%) sia dell’export (-3,4%) trainata dalla dinamica tendenziale dei flussi con i paesi extra Ue (-12,3% all’import e -6,7% all’export). A novembre 2013, i volumi scambiati sono in contrazione sia per l’import (-4,3%) sia per l’export (-3,6%). La dinamica tendenziale dei valori medi unitari è negativa per gli acquisti (-2,7%) e positiva per le vendite sui mercati esteri (+0,3%). A novembre 2013, il saldo commerciale è pari a +3,1 miliardi, in ampliamento rispetto a novembre 2012 (+2,0 miliardi). Al netto dell’energia, l’attivo è di 7,2 miliardi. Nei primi undici mesi dell’anno, l’avanzo commerciale raggiunge i 26,8 miliardi e, al netto dei prodotti energetici, è pari a quasi 77 miliardi.
A novembre la diminuzione tendenziale dell’export è particolarmente accentuata verso Svizzera (-27,2%) e paesi ASEAN (-15,9%). Si segnala la crescita delle vendite di autoveicoli (+15,5%) e la dinamica positiva verso alcuni rilevanti partner commerciali quali Germania (+2,5%) e Stati Uniti (+2,3%). Le importazioni da paesi OPEC (-43,6%), Belgio (-19,8%) e Svizzera (-19,4%) e gli acquisti di petrolio greggio (-24,3%) e gas naturale (-19,3%) sono in forte contrazione”.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia