Ricoveri ospedalieri in calo nel 2012 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ricoveri ospedalieri in calo nel 2012

ricoveroSono stati 10.257.796 i ricoveri ospedalieri erogati nel 2012, riportando un calo rispetto ai 10.749.246 registrati l’anno precedente. Tra il 2011 e il 2012 i ricoveri ordinari per acuti sono passati da 7.043.070 a 6.837.823, riportando un calo del 2,9%. E’ quanto spiega il Rapporto annuale sull’attività di ricovero ospedaliero – SDO 2012 realizzato dal Ministero della Salute. Per quanto riguarda invece le giornate di ricovero si è passato dalle 69.417.699 giornate del 2011 alle 66.707.607 del 2012. il numero di cicli di day hospital effettuati è sceso invece del 10,3% da 2.828.910 a 2.538.561.
“L’attività totale per acuti – si legge nel Rapporto – passa da 9.879.863 unità nel 2011 a 9.384.071 nel 2012, con una riduzione di circa il 5%. La composizione dell’attività per acuti mostra nel 2012 una riduzione del day hospital dal 28,7% al 27,1% del totale”. La degenza media invece si conferma, ormai da alcuni anni, intorno ai 6-8 giorni.
Nel 2012, rispetto all’anno precedente, il tasso di ospedalizzazione per acuti si è ridotto da 110 a 108 dimissioni ogni mille abitanti in regime ordinario e a poco meno di 42 cicli di day hospital ogni mille abitanti. Guardando alla distribuzione dei tassi di ospedalizzazione per fasce di età a livello nazionale e a livello regionale, è possibile osservare come i tassi specifici per Acuti in regime ordinario diminuiscono per tutte le fasce di età, con l’eccezione della fascia tra 25 e 44 (+0,24% da 81,95 a 82,15 ricoveri per 1.000 ab.); la diminuzione più accentuata si osserva nelle fasce da 5 a 14 anni (-3,98% da 38,85 a 37,31 ricoveri per 1.000 ab.) e da 15 a 24 anni (-2,96% da 54,87 a 53,24 ricoveri per 1.000 ab.). In day hospital la riduzione è significativamente più accentuata, con una riduzione di -14,16% nella fascia oltre i 75 anni, -12,83% tra 65 e 74 anni e -10,68% tra 45 e 64 anni.
A livello regionale si osserva una più ampia variabilità: in particolare, nella regione Lazio si ha un incremento di tutti i tassi specifici per età, per cui il tasso grezzo complessivo aumenta da 109,09 a 113,19 ricoveri ordinari per mille abitanti; la fascia di età da 25 a 44 anni mostra un moderato aumento in media di circa un punto percentuale nelle regioni del centro nord (in particolare in Lazio, + 4,12% e in Lombardia, +2,54%), con l’eccezione della Valle d’Aosta (-1,3%) e delle Marche (-1,23%), ed una diminuzione nelle regioni del sud Italia (in particolare Molise, -4,5%, e Puglia, -4,44%).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia