La situazione in Ucraina | T-Mag | il magazine di Tecnè

La situazione in Ucraina

viktor_yanukovichLe manifestazioni delle ultime ore a Kiev sembrano avere preso una piega diversa rispetto alle proteste di dicembre, all’epoca più pacifiche rispetto alle immagini che giungono ora dall’Ucraina. Gli stessi leader dell’opposizione hanno stigmatizzato quanti hanno provocato i momenti di violenza nella giornata di domenica, ma è evidente allo stesso tempo come il malcontento della popolazione stia crescendo. Alla base delle proteste ci sono le posizioni filorusse del presidente Viktor Yanukovych il quale si è mostrato piuttosto incerto alla fine di novembre quando a Vilnius (Lituania) si è svolto il vertice dell’Unione europea per il Partenariato orientale, ovvero una serie di politiche volte a favorire il libero scambio. Il primo passo, insomma, verso l’ingresso nell’Ue. Se Georgia e Moldavia hanno firmato l’accordo, diversa è stata la posizione dell’Ucraina. Il presidente ucraino, in verità, non deplorerebbe un rapporto commerciale diretto con l’Unione, ma non vuole neppure compromettere “l’alleanza” con Mosca che nei mesi precedenti aveva mantenuto un atteggiamento ostico nei confronti del partner per evitare la ratifica dell’accordo. La Russia è così riuscita a strappare a Kiev un patto che prevede da una parte il taglio del prezzo del gas esportato in Ucraina e, dall’altra, l’acquisizione di circa dieci miliardi di euro in titoli di Stato.
Il fatto, però, è che i tentativi da equilibrista di Yanukovych sono l’ultima grana. Il problema è inoltre politico e sociale. Sull’accordo di libero scambio con l’Ucraina, il braccio di ferro è avvenuto da entrambi i lati. Anche Bruxelles ha mostrato i muscoli facendo richiesta esplicita della liberazione di Yulia Tymoshenko, in carcere dal 2011, con l’accusa di abuso di potere nel periodo in cui fu a capo del governo, dopo un accordo con la Russia sugli approvvigionamenti di gas naturale ritenuto svantaggioso per l’Ucraina.
A inasprire il dibattito e ad accrescere la tensione sociale sono le leggi antimanifestazioni promosse dal governo ucraino che prevedono dieci anni di carcere per l’occupazione di edifici pubblici, pene severe per chi monta tende in strada e per chi manifesta a volto coperto.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia