La questione di Electrolux. Serracchiani: “Zanonato si dimetta” | T-Mag | il magazine di Tecnè

La questione di Electrolux. Serracchiani: “Zanonato si dimetta”

A seguito della crisi dell’Electrolux (operante nel settore degli elettrodomestici), l’azienda ha messo sotto osservazione gli stabilimenti italiani (in particolare quelli di Friuli e Veneto) e, dopo un primo taglio pari a mille addetti, è pronta ad effettuarne un altro da circa 500. Il dito dei Governatori Zaia e Serracchiani è puntato contro il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato e contro il Governo.
Secondo Debora Serracchiani “il ministro Flavio Zanonato dovrebbe dimettersi perché non ha gestito con l’equilibrio necessario il delicato incarico della gestione della crisi Electrolux. Come presidente di Regione devo esprimere un vivissimo rammarico per la condotta tenuta dal ministro Zanonato, che ha preferito saltare tutti i livelli di mediazione, inclusi quelli istituzionali, credendo di risolvere la crisi buttando a mare lo stabilimento di Porcia. Per noi è inaccettabile il metodo e soprattutto il merito. Ricordo che il 26 novembre in prefettura a Trieste, alla mia presenza, il ministro Zanonato ha assicurato ai lavoratori di Electrolux che sarebbe andato in visita a Porcia: siccome lo stanno ancora aspettando ci vada lui ora a dirgli che solo loro devono chiudere”.
L’attacco da parte del membro della segreteria del Partito democratico sarebbe arrivato a seguito di una nota inviata da Zanonato a Zaia, nella quale il ministro avrebbe scritto che “i problemi e le difficoltà del gruppo svedese riguardano solo lo stabilimento di Porcia e non quello di Susegana”. Una nota che a detta del ministro sarebbe stata male interpretata da Serracchiani in quanto, spiega il ministro, “la mia nota a Zaia dice il contrario di quanto ha inteso la Serracchiani. Mi concentro su Porcia, le polemiche sono dannose”.
Una polemica che ormai va avanti da tempo spiega Zaia. “Il 12 novembre il sottoscritto – spiega il governatore del Veneto ai giornalisti – ha partecipato ad un incontro al ministero con i colleghi del Friuli Venezia Giulia, della Lombardia e dell’Emilia, ricevuti dal sottosegretario De Vincenti ed anche su questo ci sarebbe di che riflettere, ed in quella sede ci furono date rassicurazioni sull’organizzazione in tempi stretti di un nuovo vertice con la proprietà ed il governo. Analogo annuncio fu fatto da Zanonato in persona il 9 gennaio ma in entrambi i casi alle parole ed ai tweet è seguito il silenzio più totale. Dopo il caffè che gli ho offerto a Palazzo Balbi, una volta nominato al governo, non ho più avuto il piacere di sentire il ministro. Ora spero che da Roma arrivi un segnale di vita, altrimenti ce lo dicano chiaramente: ci sono disoccupati di serie A, come quelli di Fiat e Alitalia, e disoccupati di serie B, come quelli del Veneto”.
pronta la risposta del ministro dello Sviluppo Economico: “Da parte di Zaia continua una polemica stucchevole e strumentale. L’apertura di un tavolo negoziale non può essere chiesta da lui ma dalle organizzazioni sindacali e dalla proprietà che si incontreranno il 27 gennaio. Noi, dopo questo incontro siamo pronti ad aprire il tavolo. E comunque, per il 4 febbraio, è in calendario il tavolo di settore dell’elettrodomestico. Mentre Zaia si attarda in sterili polemiche, il ministero si è incontrato con la dirigenza italiana del gruppo e sta lavorando a soluzioni industrialmente valide per il gruppo Electrolux. Fermo restando che le difficoltà riguardano solo lo stabilimento di Porcia in Friuli e non quello di Conegliano in Veneto”.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Bruxelles: «Londra deve chiarire le proprie intenzioni»

«Continuiamo a seguire molto da vicino il dibattito parlamentare nel Regno Unito». Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, intervenendo dopo l’intervento…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’antisemitismo preoccupa il 58% degli italiani

Il 58% degli italiani si dice preoccupato dall’antisemitismo. Lo rivela l’ultimo Eurobarometro presentato oggi, martedì 22 gennaio 2019, dalla Commissione europea al al museo ebraico…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Savona: «Parlare di manovra correttiva è una malattia mentale»

«Torna una fissazione, quella che io considero una malattia mentale e cioè che occorra fare una manovra correttiva». Lo ha detto il ministro degli Affari…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «In calo i prestiti alle imprese»

«La domanda di prestiti da parte delle imprese registrerebbe una lieve contrazione nel primo trimestre del 2019 mentre quella da parte delle famiglie continuerebbe a…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia