La rivoluzione che serve al calcio | T-Mag | il magazine di Tecnè

La rivoluzione che serve al calcio

calcio_crisi_economica_scommesseÈ il giorno. Salvo sorprese i 278 delegati eleggeranno lunedì 11 agosto il nuovo presidente della FIGC, uno tra Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini (più Tavecchio che Albertini, stando ai numeri previsti). Nei giorni scorsi tutto è ruotato attorno all’infelicissima battuta di Tavecchio a sfondo razzista, una frase che da sola sarebbe dovuta bastare per ritirare la candidatura. Non si tratta di una esclusiva questione dialettica, è un fatto di principio: Tavecchio, se sarà lui, dovrà essere in grado di far riemergere il calcio italiano dalle proprie ceneri. E chi è chiamato a ruoli delicati deve mantenere un comportamento irreprensibile. Sempre.
L’urgenza ora è dettata da un fattore esclusivamente sportivo: la delusione al recente mondiale brasiliano. C’è molto di più, ovviamente: riformare il calcio significa innanzi tutto mettersi a pari con un’esigenza di cambiamento che investe diversi settori del sistema Paese. La legge sugli stadi, per dirne una, è ancora lacunosa e stenta perciò a decollare. Laddove la politica rallenta, di certo il massimo organismo del calcio italiano non aiuta. Il calcio, così com’è, frutta già parecchio (i numeri sono di un paio di anni fa, in verità): quello che definiamo sport nazionale “muove” nove miliardi di euro per un giro d’affari stimato – incluso l’indotto – al 5,7% del Pil, dà lavoro a circa 500 mila persone e versa un miliardo e 30 milioni di euro allo Stato come contributo fiscale e previdenziale. Parliamo tuttavia di un traino che è appannaggio della passione dei tifosi, e chissà ancora per quanto, e poco più. Nel calcio, come in altri settori, si è smesso di innovare (non è una crociata pro i vivai e contro i giocatori stranieri, ma un fatto di razionalizzazione e valorizzazione del capitale umano, dai giovani calciatori fino ai dirigenti e alla classe arbitrale) relegando il nostro movimento alle ultime posizioni dell’élite europea – strutture fatiscenti che il più delle volte non rispettano le normative europee, ad esempio –, nonostante una Seria A capace di affascinare gli sportivi (ma non di attrarre gli investimenti esteri). È qualcosa che va oltre l’immagine e oltre un mondiale vinto o perso nel peggiore dei modi. Al calcio italiano serve una rivoluzione finanche culturale.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Amsterdam avrà la nuova sede dell’Agenzia europea del farmaco

Amsterdam sarà la futura sede dell’Agenzia europea del farmaco (EMA). La capitale olandese è stata scelta tra una rosa di diverse candidate, tra cui Milano.…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Steinmeier: “Formare un governo al più presto”

“Tutte le controparti politiche elette al parlamento tedesco hanno l’obbligo e l’interesse comune di servire il paese”. Così il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Draghi: “L’espansione economica resta solida e ampia”

“L’espansione economica resta solida e ampia per quanto riguarda i settori e i Paesi della zona euro, sostenuta soprattutto dalla domanda interna”. Lo ha detto…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, Malagò: “Commissariare la Figc è l’unica soluzione”

“Unica soluzione, commissariare la Figc”. Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo poco dopo le dimissioni dalla presidenza della FIGC presentate da…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia