Nelle grandi imprese in calo occupazione e retribuzioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nelle grandi imprese in calo occupazione e retribuzioni

grandi_impreseA giugno 2014 l’occupazione nelle grandi imprese resta (in termini destagionalizzati) invariata rispetto a maggio sia al lordo sia al netto dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig).
Nel confronto con giugno 2013 l’occupazione nelle grandi imprese diminuisce dello 0,8% al lordo della Cig e dello 0,5% al netto dei dipendenti in Cig.
Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) diminuisce, rispetto a giugno 2013, dell’1,2%.
L’incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate è pari a 30,7 ore ogni mille ore lavorate, in diminuzione di 2,9 ore ogni mille rispetto a giugno 2013.
A giugno la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) registra una diminuzione dello 0,5% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l’indice grezzo aumenta del 3,3%. Rispetto a giugno 2013 la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) aumentano rispettivamente del 2,2% e dell’1,6%.
Considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente aumenta, rispettoallo stesso mese dell’anno precedente, dello 0,4%.

Settori di attività economica
Nel mese di giugno l’occupazione nelle grandi imprese dell’industria (misurata in termini destagionalizzati) registra, rispetto al mese precedente, una diminuzione dello 0,1% sia al lordo che al netto della Cig (Prospetto 1). In termini tendenziali gli indici grezzi diminuiscono dell’1,2% al lordo dei dipendenti in Cig e dello 0,3% al netto dei dipendenti in Cig.
Nel settore dei servizi l’occupazione (dati destagionalizzati) segna, in termini congiunturali, un aumento dello 0,1% al lordo della Cig e una variazione nulla al netto della Cig. Gli indici grezzi registrano diminuzioni tendenziali dello 0,6% sia al lordo sia al netto della Cig .
Nel settore industriale l’indice al netto della Cig segna la diminuzione tendenziale più marcata nelle costruzioni (-4,7%); tra i servizi è nel settore dei servizi di informazione e comunicazione che si osserva il calo più rilevante (-1,8%).
Nell’industria solo il settore fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata presenta una variazione tendenziale positiva dell’indice dell’occupazione al netto della Cig (+1,7%); viceversa nei servizi l’indice mostra incrementi nelle attività professionali scientifiche e tecniche (+1,9%), nel commercio all’ingrosso e al dettaglio (+0,6%) e nelle attività di noleggio agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+0,5%).

Ore lavorate
Nelle grandi imprese dell’industria, in termini destagionalizzati, le ore lavorate per dipendente registrano una variazione congiunturale positiva dell’1,3%. Nel confronto con giugno 2013, al netto degli effetti di calendario, le ore lavorate segnano una riduzione dell’1,4%.
Nei servizi si registra un aumento congiunturale dell’1,0% mentre, in termini tendenziali, l’indice depurato dagli effetti di calendario diminuisce dell’1,4%.

Ore di cassa integrazione guadagni
Nell’industria le grandi imprese hanno utilizzato nel mese di giugno 70,8 ore di Cig ogni mille ore lavorate, con una diminuzione di 10,0 ore rispetto a giugno 2013.
Le grandi imprese dei servizi hanno utilizzato 9,8 ore di Cig per mille ore lavorate; rispetto a giugno 2013 si registra un aumento di 0,5 ore per mille ore lavorate.

Ore di sciopero
Le ore di sciopero effettuate nel mese di giugno sono pari a 0,6 per mille ore lavorate, con una diminuzione di 0,6 ore rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.
A giugno, nelle grandi imprese l’incidenza delle ore di sciopero è pari a 0,6 per mille ore lavorate, sia nell’industria sia nei servizi. Nel confronto con giugno 2013 si osserva nell’industria una diminuzione di 2,0 ore e un incremento di 0,2 ore nel settore dei servizi ogni mille ore lavorate.

Retribuzioni e costo del lavoro per ora lavorata
Nelle grandi imprese dell’industria la retribuzione lorda per ora lavorata registra, al netto della stagionalità, un incremento dello 0,4% rispetto a maggio. Nel confronto con giugno 2013 l’indice grezzo cresce del 2,9%.
Nei servizi la retribuzione lorda per ora lavorata segna, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale dello 0,2%; l’indice grezzo registra un incremento del 3,6% rispetto a giugno 2013.

Retribuzioni e costo del lavoro per dipendente (al netto della Cig)
Nelle grandi imprese dell’industria a giugno si registra un aumento tendenziale del 2,1% della retribuzione lorda totale per dipendente. Per la sola componente continuativa per lavoro ordinario la crescita, rispetto a giugno 2013, è stata dello 0,8%. Il notevole incremento che si registra nel settore della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (+8,0%) è attribuibile prevalentemente al disallineamento – rispetto allo scorso anno – delle date del pagamento della mensilità aggiuntiva e di alcuni premi in imprese di grandi dimensioni del settore.
Nei servizi la retribuzione lorda per dipendente è aumentata del 2,2% mentre quella per la sola componente continuativa per lavoro ordinario aumenta in termini tendenziali dello 0,1%. L’elevato incremento tendenziale rilevato nel settore trasporto e magazzinaggio (+10,3%) deriva dal pagamento nel 2014 di premi di maggiore entità rispetto al 2013 in alcune grandi imprese.

(fonte:Istat)

 

Scrivi una replica

News

Tria: «Il Governo non mette in discussione l’euro»

«La linea del Governo è che l’euro non è in discussione». Lo ha detto Giovanni Tria, ministro dell’Economia, a chi gli chiedeva quale fosse la…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P: «Il mercato dei bond verdi è cresciuto dell’85% nel 2017»

Michael Wilkins, managing director sustainable finance di Standard & Poor’s, ha sottolineato, nel corso dell’Italian sustainable finance & investments conference, che «il mercato globale dei…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Theresa May è un partner negoziale affidabile»

«La premier britannica Theresa May è un partner negoziale affidabile per il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker». Lo ha detto lo stesso Jean-Claude Juncker,…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nato: «Non è scontato il legame tra l’Ue e gli Usa»

«I legami fra Europa e Nord America vanno difesi nell’interesse della sicurezza dell’Occidente, ma non sono scontati. Non è inciso sulla pietra che il legame…

21 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia