Quando le vittime sono bambini e adolescenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quando le vittime sono bambini e adolescenti

pasta-di-nocciolineNel mondo una ragazza su dieci sotto i vent’anni su dieci, per un totale di 120 milioni di under 20, ha subito almeno una volta un abuso di tipo sessuale. E’ quanto rilevato dall’Unicef e spiegato nel Rapporto Hidden in Plain Sight, un’analisi che prende in esame i dati statistici relativi alle violenze sui minori di 190 Paesi.
Dallo studio (basato su dati riguardanti abusi sessuali, omicidi, bullismo, punizioni corporali e violenza domestica) emerge che 84 milioni di adolescenti di età compresa tra i 15 ed i 19 anni (un adolescente su tre), aventi relazione stabile, sono vittime di violenza psicologica, fisica o sessuale da parte del partner. “La diffusione di comportamenti violenti da parte del partner – spiega l’Unicef – è di oltre il 70% nella Repubblica Democratica del Congo e in Guinea Equatoriale, e si avvicina o supera il 50% in Uganda, Tanzania e Zimbabwe”.
Passando agli omicidi lo studio a rilevato che un quinto degli omicidi del mondo ha per vittime under-20 e solo nel 2012 sono stati 95.000 i bambini, o adolescenti, morti assassinati. Il Paese che riporta il più alto numero di omicidi di giovani è la Nigeria con 13 mila l’anno. Negli Stati Uniti si registra invece il più alto numero di omicidi tra i Paesi ad alto reddito. In Paesi come Panama, Venezuela, El Salvador, Trinidad e Tobago, Brasile, Guatemala e Colombia l’omicidio è la causa principale di morte di giovani tra i dieci ed i 19 anni.
Circa tre adulti su dieci è convinto che le punizioni corporali severe, cui sono sottoposti il 17% dei bambini dei bambini del mondo, siano giustificabili per l’educazione del bambino. Addirittura l’82% degli intervistati dello Ngwana, Paese nel Sud dell’Africa, ritiene che le pene corporali siano necessarie. In Ciad, Egitto e Yemen il 40% dei bambini tra i due ed i 14 anni ha subito punizioni fisiche dure.
Allarmanti anche i dati relativi all’atteggiamento nei riguardi della violenza domestica: 126 milioni di adolescenti tra 15 e 19 anni di età, dunque circa la metà, ritiene giusti gli atti di violenza da parte del marito nei confronti della moglie. Una pratica che trova assenso nell’80% dei casi in Afghanistan, Guinea, Giordania, Mali e Timor Est.
Ci sono anche Paesi come ad esempio la Cambogia, la Mongolia, il Pakistan, il Ruanda e il Senegal, dove le donne che ritengono giuste le percosse da parte dei mariti superano anche i maschi. In 30 Paesi su 159 (dove sono disponibili dati di questo tipo) il 70% delle vittime tra i 15 ed i 19 anni non ha chiesto aiuto o denunciato mai atti di violenza.

 

Scrivi una replica

News

Iran: «I Paesi europei salvino l’accordo sul nucleare»

«L’Iran chiede ai Paesi europei di fare sforzi più seri e solleciti per mettere in atto iniziative economiche che permettano di salvare l’accordo sul nucleare».…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, attacco a polizia è stato un atto terroristico

Il numero due della polizia di Barcellona ha reso noto che l’attacco di questa mattina alla stazione di polizia catalana, è stato un atto terroristico.…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan: «Liberi 149 ostaggi. Uccisi sette terroristi talebani»

Il portavoce del ministero dell’Interno afghano ha reso noto che le forze governative afgane hanno liberato le 149 persone che erano state rapite nel corso…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Al lavoro per trovare una soluzione sulla nave Diciotti»

«Non commentiamo le parole di Salvini che dice di voler riportare i migranti in Libia se l’Ue non troverà una soluzione. Ma sul caso della…

20 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia