Ancora giù redditi e consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora giù redditi e consumi

consumi_crisi_economicaA causa della riduzione del reddito delle famiglie, tornato ai livelli di 30 anni fa (17.400 euro nel 2014 e 17.200 euro nel 1986) e dell’aumento continuo delle spese obbligate (come i mutui, gli affitti e la sanità, i carburanti, l’acqua, l’elettricità e il gas) nel giro di vent’anni i consumi degli italiani sono cresciuti complessivamente solo del 12,3% e solo del 6% procapite. E’ quanto rilevato dalla Confcommercio nel Rapporto Consumi. Secondo l’analisi tra il 2007 ed oggi il reddito delle famiglie italiane è sceso del 13,1%, per un totale di circa 2.590 euro l’anno a testa. Di conseguenza ad oggi i consumi sono inferiori del 7,6% rispetto al periodo pre-crisi e del 2,5% rispetto allo scorso anno.
In modo particolare il calo ha interessato i beni, con un -4%, mentre i servizi sono scesi in maniera più contenuta, registrando un -1,2%. Per questo la Confcommercio parla di una terziarizzazione dei consumi: ad oggi i servizi rappresentano il 53% della spesa delle famiglie, in aumento rispetto al 50% del 2009 e al 41,8% del 1992. Le spese per i beni sono invece scese dal 58,2% di venti anni fa al 47%.
Considerando la spesa per i beni, dallo studio emerge che i cali più rilevanti hanno interessato i pasti in casa/fuori casa e l’alimentazione domestica, rispettivamente con un -4,1% e un -4-6%. Notevole anche il calo riportato da viaggi e vacanze, -3,8%; da abbigliamento e calzature, -6,3%; e dai beni per il benessere, -3,5%.
Tornando invece ai servizi, nei quali rientrano le spese obbligate già elencate in precedenza, risulta che nel giro di vent’anni il valore aggiunto sia passato dal 66,5% al 74%. Solo le spese obbligate coprono ormai il 41% delle spese totali e in particolare quelle legate alle abitazioni sono passate dal 17,1% del ’92 al 23,9%.
Secondo le stime della Confcommercio dunque, rispetto ai 14.300 euro del 1992, tolte le spese agli italiani rimangono in tasca 10.900 euro l’anno.

 

Scrivi una replica

News

Dombrovskis: «Il governo italiano sta andando contro gli impegni presi»

«L’Europa è costruita sulla cooperazione, l’Eurozona è costruita su stretti legami di fiducia con regole che sono le stesse per tutti, quindi se la fiducia…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

La Commissione europea ha bocciato la manovra

La Commissione Ue ha rigettato il Documento programmatico di bilancio illustrato dal governo italiano e ne ha chiesto uno nuovo, che dovrà essere presentato entro…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Imparare la lingua italiana è una priorità per coloro che sono giunti in Italia di recente»

«Per coloro che sono giunti in Italia di recente, la lingua rappresenta il primo strumento nel cammino di integrazione. Importante e prezioso è il ruolo…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Fiscale, il testo è stato firmato dal presidente della Repubblica

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto fiscale. Il testo è arrivato al Quirinale dopo il via libera della Ragioneria. Tra le…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia